La sostenibilità vista dagli influencer italiani

Top 10 Green Influencer

La classifica dei top 10 italiani, realizzata da FLU PLUS, vede al primo posto Cristina Cotorobai, seguita da Ruggero Rollini e da Camilla Agazzone. Oltre il 65% dell’audience di riferimento è rappresentata da donne tra i 25 e i 34 anni

 

Top 10 Green Influencer

La sostenibilità è diventata un impegno fisso in Italia. Solo nel prossimo quadriennio è previsto un investimento per la cosiddetta transizione verde di quasi 72 miliardi di euro di fondi europei (Fonte: elaborazione Openpolis su dati ufficio rapporti con l’Unione Europea) e con l’avvicinarsi dell’Earth Day, giornata mondiale per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia, l’attenzione è massima.

Un interesse sull’argomento incrementato anche grazie ai “green influencer”. Un’analisi realizzata da FLU PLUS, suite integrata di influencer marketing, ha permesso di stilare la classifica dei top 10 green influencer italiani per engagement rate:

  1. Cristina Cotorobai (@cotoncri) 14,87%,
  2. Ruggero Rollini (@ruggerorollini) 6,18%
  3. Camilla Agazzone (@camilla_agazzone) 6,06%
  4. Giorgia Pagliuca (@ggalaska) 5,6%
  5. Alice Pomiato (@aliceful), 3,72%
  6. Alex Bellini (@alexbellini_alone) 2,35%
  7. Camilla Mendini (@carotilla_) 2,34%
  8. Luca Talotta (@lucatalotta) 2,16%
  9. Silvia Stella Osella (@silviastella_)1,46%
  10. Federica Gasbarro (@federica_gasbarro) 0,9%

La ricerca, che prende in considerazione il canale Instagram, ha rilevato inoltre che la principale audience, pari al 66%, è composta da donne tra i 25 e i 34 anni.

Un’ulteriore dimostrazione dell’importanza dell’argomento arriva dai nano influencer, coloro che possono contare su una fanbase tra i 1.000 e i 9.999 follower. A differenza di tante altre aree di interesse, infatti, il coinvolgimento degli utenti è molto rilevante, come dimostra il tasso di engagement rate dei principali esponenti di questa categoria: Chiara Saccani (16,81%) e Maria Beatrice Pavanello (6,5%).

Cotorobai e Rollini, ai primi due posti nella “top 10 green influencer”, condividendo con FLU la loro vision hanno detto:

«Più che influencer o content creator – ha dichiarato Cristina Cotorobai – sento di fare divulgazione e sensibilizzazione sul tema della sostenibilità. Ho iniziato dopo la nascita di mia figlia, Blu. Realizzare che il suo futuro sarebbe stato incerto su un pianeta malato mi ha spinta a far la mia parte e condividere sui social il percorso intrapreso assieme al mio compagno per un’esistenza meno impattante e più consapevole. Ho maturato l’idea che non serve far lezioni di vita, ma essere d’esempio in prima persona. Condividere la propria cena vegana attira e incuriosisce più persone che predicar loro i motivi per i quali sbagliano a mangiare la carne e tra un ingrediente e l’altro aggiungo qualche dato e le fonti. Per promuovere l’argomento e sensibilizzare i follower, imposto i miei contenuti su una buona base di ironia. Voglio ispirare le persone con entusiasmo e leggerezza».

«Ho iniziato per caso – ha detto Ruggero Rollini – quando mi sono iscritto a chimica e ho unito le passioni per questo tema e il video-making in un canale molto acerbo di divulgazione. Solo in un secondo momento mi sono avvicinato e interessato alla teoria della comunicazione della scienza e ho capito che sarebbe potuto diventare il mio lavoro. Fare il divulgatore è incantevole ed è un continuo stimolo ad approfondire nuovi argomenti e formati. Parliamo di temi molto complessi. Non è un caso se la climatologia affonda le sue radici in una disciplina che studia proprio i sistemi complessi, per cui Parisi ha pure recentemente vinto il Nobel.  Sarebbe sbagliato e profondamente scorretto non comunicare questa complessità. Chi tratta di sostenibilità per slogan, messaggi facili e capri espiatori sta facendo un grande disservizio alla propria utenza. Nel mio piccolo, provo a far trasparire queste interrelazioni e chi mi segue lo apprezza».

Articoli correlati