Input your search keywords and press Enter.

La salute va “orientata”: parola di orientatore

“Professione Orientatore”, orientatore di promozione alla salute. Non è solo il mestiere del futuro, ma è già un progetto concreto, realizzato grazie al sodalizio tra l’Ufficio Scolastico Regionale, la Presidenza del Consiglio della Regione e la neonata ASNOR (Associazione Nazionale Orientatori)  –  fondata proprio con l’obiettivo di diffondere la cultura dell’Orientamento in Italia e promuovere la figura professionale dell’Orientatore attraverso corsi di formazione.

<p>Regione Puglia - sede della Presidenza del Consiglio Regionale</p>

Regione Puglia - sede della Presidenza del Consiglio Regionale

«L’orientamento ormai non è più pensabile semplicemente riferito ai vari passaggi formativi con particolare riferimento a quello dalla scuola media agli istituti di secondo grado e a quello dopo la maturità, sia verso i percorsi universitari sia verso i percorsi di immediata professionalizzazione». Non ha dubbi il professor Vito Antonio Baldassarre, docente di Pedagogia Sperimentale presso l’Università degli Studi di Bari, nonché studioso delle metodologie sperimentali e tecnologiche di formazione e Presidente del Comitato Tecnico Scientifico dell’ASNOR.

<p>Vito Antonio Baldassarre</p>

Vito Antonio Baldassarre

E continua: «L’orientamento oggi va visto secondo un itinerario che tenga conto dei mutamenti che si sono verificati intorno a noi. Sono profondamente mutate negli ultimi trent’anni le nostre concezioni in ordine all’intelligenza, alle motivazioni, alla comunicazione, all’apprendimento. E’ mutato anche il concetto di orientamento; ora è anzitutto di tipo multidimensionale; si configura come processo continuo e dinamico che accompagna i cicli vitali e formativi; serve da aiuto all’autovalutazione, da stimolo culturale e all’esperienza, è apertura a nuove conoscenze ed interessi».

Alla base di questa concezione di orientamento c’è l’idea di una persona che costruisce la propria identità alla luce di una educazione dinamica e permanente. «Per tutte queste ragioni- continua il prof. Baldassarre –  abbiamo costituito l’ASNOR come progetto concreto che sostenga e accompagni i processi decisionali delle persone ad affrontare le incertezze e le complessità che il nostro sistema di vita sembra moltiplicare». Si avverte in maniera urgente una figura professionale che risponda al profilo dell’Orientatore, anche in un campo, come quello della salute, che inevitabilmente  deve mettere in contatto la persona con l’ambiente circostante, col territorio da proteggere: un percorso, questo, da attuare partendo proprio da un rapporto sano con se stessi. Per costruire tale profilo è stato quindi individuato un percorso formativo on-line che vuole rispondere a queste esigenze. Ma con quali professionisti dovrà preferibilmente interagire l’orientatore per la promozione della salute, per lavorare al meglio? Sicuramente con tutti i professionisti dei servizi pubblici e privati che lavorano nel campo della prevenzione primaria, secondaria e terziaria nel campo della salute. Fuori da ogni linguaggio tecnico, tutti gli operatori e le tutte le strutture che si occupano della difesa della salute.

<p>un momento di briefing aziendale</p>

un momento di briefing aziendale

«Certo è difficile far passare un messaggio innovativo- dice il prof. Baldassarre –  quando i modelli mentali che siamo abituati ad usare rispondono a canoni tradizionali di ricorso ad operatori che mettano a posto una situazione di salute già disturbata e molto meno ad interpellare chi possa orientare le scelte per difendere la salute prima di tutto quando ce l’abbiamo integra. Abbiamo tuttavia i riscontri necessari che ci fanno dire che il bisogno esiste e bisogna mettere in atto le professionalità e i servizi che possano soddisfare tali bisogni.
E i risultati? «Non ci attendiamo risultati miracolistici- dice il prof. Baldassarre –  ma crediamo di poter dire che abbiamo preso contatti istituzionali importanti e abbiamo incontrato la comprensione del progetto nonché l’interesse a condividere alcuni passi per promuovere le azioni indispensabili per operare nel settore. Si è costituito un Comitato Tecnico Scientifico di rilievo composto da personalità del mondo accademico-scientifico di primo piano nel settore; esistono progetti di sviluppo di ricerche scientifiche nel settore; è in cantiere una rivista che sarà distribuita anche on line oltre che in materiale cartaceo; è stato ottenuto a livello di Camera di Commercio il riconoscimento professionale del profilo di orientatore; si sta avviando al creazione sul territorio di centri di orientamento. Siamo sicuri di essere sulla strada giusta».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *