Input your search keywords and press Enter.

La risposta “green” del Salone del Mobile

Le fiere chiudono e ciclicamente riaprono, le buone idee che lasciano però non se ne vanno. Anche quest’anno a Milano l’edizione del Salone Internazionale del Mobile e del Complemento d’arredo alla fiera di Rho, anche dopo aver chiuso i battenti ha lasciato dietro di sé la sua risposta green per un nuovo modo consapevole di vivere la casa moderna, con attenzione all’inquinamento e ai consumi.

Il nuovo polo fieristico che accoglie il Salone del Mobile a Milano -Rho

Il nuovo polo fieristico che accoglie il Salone del Mobile a Milano -Rho

A cominciare, una per tutte, dalla Sparkling Chair di Magis, seduta ideata dal designer Marcel Wanders e realizzata grazie ad una particolare lavorazione delle bottiglie Pet di acqua. Per proseguire poi sulla fagocitante scia degli spazi di Eurocucina, dove Veneta Cucine con la sua Ecocompatta, disegnata da Paolo Rizzatto e realizzata in materiali ecologici, propone la sua novità. Dimensioni ridotte per adattarsi ai monolocali, serranda automatizzata che scende nascondendo lavandino e piano di lavoro alla vista, il blocco – che viene venduto in un imballo riciclabile –  è studiato per integrarsi alla zona giorno. Ecosostenibile e certificata FSC, è dotata anche di un impianto di ricircolo dell’acqua calda (sfruttata per la lavastoviglie) e dell’acqua fredda (per il frigorifero).

sparkling_chair_wanders_magis1

Sparkling Chair di Magis

Sparkling Chair di Magis

Sparkling Chair di Magis

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella sezione dedicata agli elettrodomestici, la’FTK – Technology for the Kitchen, ha presentato la nuova lavastoviglie ad incasso Hydrostar della Bosh in classe AAA, che consuma mille litri d’acqua in meno all’anno e con 280 lavaggi Eco annui arriva a risparmiare l’equivalente d’energia di mille lampadine. O anche la cappa Galaxy Faber con illuminazione a led e riduzione dei consumi fino al 60%. Passando dagli elettrodomestici ai complementi di arredo, sempre l’illuminazione a led è protagonista nelle proposte di Eco Preziosi, nato dalla collaborazione tra Design Juice Studio ed Enrico Sinatra Design per la commercializzazione di “idee originali in materiale riciclato e riciclabile, progettate e realizzate in Italia”. Oggettistica, appunto,  realizzata con cartoncino colorato in pasta con tinte naturali per creare lumini a led, portacandele, lampade e animali per ombre cinesi.Passando per il Salone Internazionale del Bagno, la fa da padrone – e non poteva essere diversamente – il concetto di risparmio idrico. Come per Roca il bagno W+W, acronimo di Washbasin+Watercloset, che in effetti unisce lavandino e wc in un unico blocco, permettendo il recupero dell’acqua e un risparmio idrico stimato attorno al 25% dei consumi. Ideato da Gabriele e Oscar Buratti, ha oltretutto vinto alcuni premi internazionali di design.

Cappa Galaxy di Faber

Cappa Galaxy di Faber

Tutta la città è stata coinvolta in questa ricerca green. Dalla mostra all’acquario civico con prodotti eco-sostenibili legati al tema dell’acqua, agli ateliers in favore dell’agricoltura urbana per coltivare piante in città, e ancora cocktails impegnati con focus sul rispetto per l’ambiente, il Green-Block alla Fabbrica del Vapore e appunto le iniziative di Best Up, circuito per la promozione dell’abitare sostenibile, fondato nel 2006 da Clara Mantica e Giuliana Zoppis per “restituire al tema del sostenibile il suo carattere fortemente contemporaneo anche grazie a linguaggi e strumenti come il design”. Per farlo anche quest’anno, in occasione della Fiera milanese, hanno traghettato il pubblico attraverso un apposito “itinerario sostenibile”, tra concorsi in Triennale per progettare un camping nel cuore della città fino a laboratori su uso consapevole delle risorse al Milano Green Festival.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *