La ricetta per un mondo perfetto a tavola? Materia prima di qualità

paccheri-
Il licopene contenuto nel pomodoro viene assimilato meglio dal nostro organismo quando cotto (foto La Molisana)

Lavorare per il cambiamento, un prodotto migliore per il palato e per l’ambiente. La Molisana, un case history

Italiani innamorati della pasta? Certo, e non è un luogo comune, almeno stando ai dati che vedono il Belpaese in testa alla classifica mondiale con un consumo di 23,5 kg a persona. Il dato diventa però ancora più interessante se messo in relazione con una attenzione sempre più marcata alla qualità e alla “italianità” da parte della filiera della produzione di pasta. Attenzione che nel concreto significa impiego al 100% di grano nazionale, impensabile fino a pochi anni fa.

La Molisana da anni partecipa a progetti volti a produrre e tutelare la coltivazione e la lavorazione del grano contribuendo all’eccellenza italiana. Il grano rappresenta del resto una materia prima fondamentale, da cui deriva la semola di grano duro, un ingrediente principale per la preparazione casalinga di tante ricette.

Per la propria pasta, La Molisana ha scelto una varietà di grano della migliore qualità, un grano italiano nobile chiamato “maestà”. Una varietà ad alto contenuto proteico, con caratteristiche specifiche che lo rendono una delle materie prime più pregiate ad oggi sul mercato. Un grano dal colore ambrato, ricco di principi nutritivi, che è in grado di garantire un prodotto finale di eccellenza.

Dal grano alla pasta nei vari formati

Come ogni altro tipo di grano anche il “maestà”, raccolto nel territorio, fa un lungo percorso prima di diventare pasta.

filiera-della-pasta
La porosità del prodotto cambia a seconda del tipo di trafila utilizzata: la trafila in bronzo, ad esempio, è quella che rende la pasta ruvida e porosa (foto La Molisana)

I controlli La Molisana sono scrupolosi e metodici, ogni chicco viene sottoposto a rigida selezione e decorticato a pietra seguendo il metodo tradizionale. Da qui si passa alla macinazione del grano per ottenere la semola, che successivamente viene lavorata per la produzione della pasta.

Gli ingredienti essenziali sono semola di grano duro e acqua oligominerale, ingredienti semplici, di qualità e controllati che vanno ad unirsi amalgamandosi nell’impianto di miscelazione. Il composto ottenuto è inviato alle trafile dove si preparano i differenti formati di pasta. La porosità del prodotto cambia a seconda del tipo di trafila utilizzata: la trafila in bronzo, ad esempio, è quella che rende la pasta ruvida e porosa.

I formati di pasta sono tantissimi, variano per forma, lunghezza e spessore oltre che per la rigatura e la porosità. Ogni tipo di pasta ha infatti caratteristiche tali non solo per incontrare il gusto personale di chi acquista, ma soprattutto per garantire la riuscita migliore per ogni tipo di ricetta.

I Paccheri La Molisana, lo schiaffone perfetto

I paccheri La Molisana sono uno dei formati di pasta tipicamente campani e la loro tenacità li rende perfetti per riprodurre il famoso “schiaffo a mano aperta”, ovvero il rumore che ricorda questo formato di pasta quando viene scodellata nel piatto. Quei grandi cilindri di pasta rugosa sono infatti capaci di raccogliere il sugo in maniera perfetta e quando dalla padella vengono serviti nel piatto, il suono è simile a uno schiocco di mani: per questo sono conosciuti nel dialetto campano anche con il nome di schiaffoni.

Molti sono i condimenti adatti a questo tipo di pasta. Quello che fa la differenza è la porosità, il sottile strato che compone questo cilindro magico così perfetto da riuscire sempre a generare un’esplosione di sapori, qualsiasi sia il sugo nel quale si decida di immergerlo.

I paccheri riempiono la bocca, hanno un aspetto così importante da potersi definire il più nobile tra tutti i formati di pasta, sono perfetti sia per essere saltati in padella o per essere bolliti, riempiti e passati in forno. Ecco allora alcune ricette semplici e sfiziose con i paccheri La Molisana.

Paccheri alla Napoletana

ingredienti per 4 persone:

– 400 g Paccheri la molisana

-1 carota

-1 costina di sedano

-1 cipolla

– 600g passata di pomodoro

– sale, pepe qb

– parmigiano

– olio

Una preparazione facile e veloce per una ricetta nutriente e gustosa: tritare la carota, insieme al sedano e alla cipolla, far rosolare in padella con due cucchiai di olio e aggiungere la passata di pomodoro, sale e pepe. Lasciar rosolare per bene fino a che il sugo non si è ben ritirato; nel frattempo portare in ebollizione l’acqua per la pasta e far cuocere quest’ultima secondo le indicazioni.
Trascorso il tempo necessario alla cottura, scolare i paccheri e unirli al sugo in padella per essere saltati.
Servire con una spolverata di parmigiano e una foglia di basilico.

Paccheri alla crema di scampi

ingredienti per 4 persone

– 400 gr di paccheri la molisana

– 500 gr di scampi

– 500 gr di gamberi

– 150 gr passata di pomodoro

– 1 spicchio d’aglio

– sale e pepe

– 1 scalogno

– prezzemolo

– vino bianco per sfumare

– 1 porro

Per gli amanti del pesce questa è un’altra ottima portata da proporre utilizzando i paccheri. Un primo piatto di facile realizzazione proteico e ricco di gusto.

La prima cosa da fare è pulire il pesce, togliere le teste agli scampi e dai gamberi e realizzare il fumetto; sarà necessario riempire una pentola con acqua, aggiungere le teste dei gamberi e degli

La-Molisana-Pack-carta
La scelta del pack in carta è prima di tutto di natura etica e nasce dalla volontà di ridurre in modo significativo l’impronta ambientale anche sul fronte degli imballaggi (foto La Molisana)

scampi, un ciuffo di prezzemolo e il porro, far bollire il tutto per circa un’ora, dopodiché filtrare il liquido che servirà a cuocere i paccheri.

In una padella capiente mettere un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva, lo spicchio d’aglio e i crostacei puliti, cuocere tutto per un paio di minuti e sfumare con vino bianco. In un’altra padella, con due cucchiai di olio sarà necessario rosolare lo scalogno finemente tritato insieme al peperoncino e solo una volta che il tutto è ben rosolato, versare la passata di pomodoro condita con sale e pepe. Nel frattempo, cuocere i paccheri direttamente nel fumetto ottenuto precedentemente. Una parte dei gamberi e degli scampi andrà passata al mixer con acqua del fumetto e olio evo. A questo punto sarà possibile unire tutti i passaggi direttamente in padella; scolare i paccheri La Molisana nella salsa di scalogno e pomodoro, unire la crema di gamberi e scampi e infine i crostacei interi.

La Molisana ama vestire in modo naturale

Una delle novità più apprezzabili de La Molisana è la scelta della nuova veste, un packaging riciclabile al 100% nella carta.

Esce sul mercato nel 2021, a testimoniare che non solo l’azienda è un passo avanti nella selezione e ricerca delle materie che decide di utilizzare, ma che punta ad evolversi per la salvaguardia e la tutela dell’ambiente. Un applauso al nuovo modo di concepire il confezionamento, riscoprendo nella carta un bene prezioso.

Articoli correlati