Input your search keywords and press Enter.

“La Pupazzara”: quando la creatività diventa una professione

“La Pupazzara” nasce nel 2009 dall’idea di Vittoria, una ragazza che di fantasia ne ha certamente da vendere. Da piccola le piaceva pasticciare con qualsiasi materiale; ancora oggi adora le fiabe, le illustrazioni e tutto quello che è realizzato a mano. Ha imparato a cucire da autodidatta circa 11 anni fa, ha cominciato con il creare pupazzi di stoffa, da cui deriva la scelta del nome del suo blog. Ha una sfida: trasformare la sua passione in una vera occupazione. E si racconta così.

Tutti i prodotti creati dalla Pupazzara riciclano avanzi e ritagli di stoffa

Un laboratorio aperto a tutte le sperimentazioni – «Mi piace sperimentare, mettermi in gioco e creare di tutto: dalla bigiotteria, ai pupazzi, alle borse, le pochette, fino alla creazione di magliette personalizzate. E’ sempre tutto un work in progress, sono in continua ricerca, non so cosa mi salterà in testa di creare domani e con quale altra tecnica. Di recente molto interesse hanno destato gli orecchini di stoffa e le t-shirt; in entrambi i casi utilizzo in maniera prevalente avanzi di stoffe derivanti dalla produzione di altre mie creazioni e che sistematicamente conservo, o materiale che recupero da abiti dismessi. Tutte le mie creazioni sono realizzate a mano e il leitmotiv è la possibilità di renderle personalizzateInfatti generalmente le progetto insieme ai destinatari. Ogni soggetto è disegnato, ritagliato e cucito; assemblo tessuti differenti che scelgo attentamente, nulla è lasciato al caso anche per quel che concerne il packaging. A chi mi rivolgo? A… Uno, nessuno e centomila. Creo manufatti che sono il risultato dell’incontro tra quello che piace a me, che userei e indosserei in prima persona e le richieste di ciascuna delle persone con le quali chiacchiero via mail o che incontro. Non credo di avere un target preciso di riferimento, mi rivolgo a chi cerca qualcosa di originale, insolito, personalizzato, colorato, che apprezza il lavoro artigianale e che conserva lo spirito fanciullesco, del bambino nella sua accezione più bella. Quello che voglio trasmettere è l’allegria e la capacità di meravigliarsi».  

Vittoria "la Pupazzara" al lavoro

La Pupazzara e il territorio, un legame profondo – «Sono molto legata al mio territorio e alla mia terra, la Puglia, -diceVittoria – e di tanto in tanto nelle mie creazioni sono visibili echi tipicamente mediterranei come l’utilizzo di particolari colori, o ancora simboli come il gallo e il fico d’india. Uso principalmente le Stoffe e per la maggior parte naturali come il cotone, lino o lana; riservo molta attenzione alla scelta dei materiali e ai dettagli per rendere ogni manufatto unico nel suo genere stando sempre attenta al non sprecare risorse ed a preferire il riutilizzo. Utilizzo anche la lana cardata che infeltrisco per ottenere il feltro di lana cui è composta parte della mia bigiotteria. I processi produttivi sono piuttosto semplici, le principali protagoniste restano le mie mani e poi tanta passione e molta pazienza! Sono decisamente a favore del realizzato a mano; cerco nel mio piccolo di sensibilizzare all’acquisto di questo tipo di prodotti più sostenibili rispetto ad altri. I prodotti artigianali hanno molti vantaggi e benefici: la creazione è fatta di processi produttivi semplici, si utilizzano materiali naturali o materiale di riciclo. Sono creati in prevalenza su ordinazione e pensati su misura, questo significa avere manufatti unici, originali che comportano una produzione mirata. Altro aspetto importante è il rapporto diretto che si crea tra Persone: acquistare dal creativo, dall’artigiano, dal designer, o dall’amico più vicino a te, aiuta te, l’amico, il tuo territorio e l’economia locale riducendo i costi che derivano dalla produzione di prodotti realizzati lontano da te».

I miei progetti – «Il primo progetto è quello di riuscire in questa che è la più grande scommessa della mia vita, cercare di vivere di quello che credo di saper fare meglio e che mi dà gioia. In cantiere poi altri progetti che non vi svelo, ma che potrete scoprire strada facendo, per chi deciderà di seguirmi attraverso il mio Blog: http://lapupazzara.blogspot.com.

"Personalizzare" è la parola d'ordine di ogni oggetto, creato sui desideri del committente

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *