Input your search keywords and press Enter.

La mobilità sostenibile passa dai banchi di scuola. Il tour di “Parkinbici”

Il Presidente del Parco consegna le 28 nuove divise al team ciclistico Gs Sipontino brandizzate con il logo dell' Ente Parco

Il Parco Nazionale del Gargano punta tutto sulle opportunità della mobilità sostenibile. Dopo aver lanciato ad uso turistico, lo scorso agosto (leggi l’articolo “Sul Gargano con  la due ruote:al via Parkinbici), il primo sistema di bike sharing intercomunale d’Italia su un’area protetta, il presidente dell’Ente Stefano Pecorella, porta il progetto “Parkinbici” direttamente sui banchi di scuola per sensibilizzare e avvicinare i più giovani ad un sistema di “mobilità dolce”, che sia in grado di promuove l’ecologia e la salute del territorio. E’ nata così l’idea del “Parkinbici Tour”: il Parco Nazionale del Gargano si è trasferito in città, organizzando una tre-giorni di eventi ed attività a carattere multimediale e multidisciplinare, una serie di appuntamenti che costituissero un vero e proprio punto di contatto tra l’Ente Parco e gli studenti di tre diversi istituti scolastici del Gargano nord.

Oltre 700, tra giovani e giovanissimi, alunni e studenti degli istituti “Papa Giovanni XXIII – M. Manicone” di Vico del Gargano, “Giannone“ di Ischitella e Rodi Garganico e del “Libetta” di Peschici si sono confrontati con i temi della mobilità sostenibile e della conoscenza e corretta conservazione del territorio.  Testimonial dell’evento, il foggiano Luigi Samele, 25 anni, medaglia di bronzo a Londra 2012 nella gara di sciabola a squadre. La scelta di tale testimonial non è casuale, ma va a rafforzare la missiondi questa importante attività messa in campo dall’Ente Parco per il miglioramento della qualità della vita di residenti e turisti.

Luigi Samele, testimonial parkinbici tour

Samele, infatti, incarna perfettamente il modello di giovane – caparbio, sportivo e vincente – «figlio di questa terra», così come è stato presentato, un esempio positivo cui le nuove generazioni devono guardare. «L’attenzione e la sensibilità dimostrata da questi ragazzi sono lo stimolo a proseguire sulla ‘fase 2’ dell’azione del Parco», ha spiegato Stefano Pecorella a margine degli incontri. «Gli alunni hanno dimostrato di avere una spiccata ‘coscienza e conoscenza ambientale’ del territorio in cui vivono. L’obiettivo, adesso, è quello di infondere nelle nuove generazioni, non solo la conoscenza ma l’amore per il loro territorio».

Le granite ecosostenibili prodotte da bicigeneratori e fatte con gli agrumi del Gargano

Dopo i primi tre mesi di rodaggio, quindi, il progetto “Parkinbici” – che lega e collega i comuni del Gargano nord, Ischitella, Peschici, Rodi Garganico e Vico del Gargano -, si rimette in strada, pedalando con un’andatura decisamente più sostenuta: con 35 biciclette elettriche a pedalata assistita, il progetto si avvicina ai cittadini delle comunità garganiche per essere uno strumento per mantenersi in forma, decongestionare il traffico cittadino, risparmiare sulle spese carburante e favorire la socializzazione all’insegna della conoscenza e del rispetto del territorio. «L’iniziativa – conclude il presidente del Parco – è stata fortemente voluta e realizzata per introdurre una nuova concetto di mobilità, che contribuisca alla riduzione del traffico cittadino e crei un rapporto più diretto con il territorio. Con “Parkinbici”, infatti, cambia il modo di vivere il Gargano e i suoi paesaggi incontaminati. È una vera e propria rivoluzione ambientale e culturale». Tutte le info sul progetto sono reperibili agli indirizzi www.bicincitta.com o www.parcogargano.it, o tramite numero verde 800.654.214.

[nggallery id=192]

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *