Input your search keywords and press Enter.

La leggenda della Harley sull’Oceano

La Softail Night Train esposta all’Harley-Davidson Museum

Ci sono storie vere o di fantasia che colpiscono e commuovono per tanti motivi. Questa che sto per raccontarvi sembra avere del soprannaturale. È la storia di una motocicletta di costruzione americana: una Harley-Davidson che, dal Paese del Sol Levante, ha attraversato l’Oceano Pacifico per fare ritorno alla sua casa natia a Milwaukee negli Stati Uniti, per diventare un monumento.

Peter Mark, si stava divertendo col suo quad sulla spiaggia di Graham Island, quando, tra una sbandata e l’altra sorge semisommerso un container. È il 18 aprile scorso. Si ferma a guardare da vicino; il cassone, squassato, è stato trascinato dalle correnti marine dalla Prefettura di Miyagi, l’area più colpita dallo Tsunami che ha infierito sul Giappone, fino al Canada. Al suo interno una moto, messa male a causa degli innumerevoli urti subiti ma, al fatto Mark non sa dare una spiegazione logica, la Harley  non è stata scaraventata fuori. «Si tratta di un qualcosa che sfugge a ogni logica – ha dichiarato Peter – potrei passare la vita intera a ragionare sul come mai la moto sia rimasta all’interno del container: non era assicurata o legata a nessun punto fisso, eppure non ne é stata sobbalzata fuori. Giaceva tutta in libertà sul fondo del container».

L’11 marzo 2011 al largo della costa della regione di Tōhoku, nel Giappone settentrionale, un sisma di magnitudo 9 con epicentro in mare ha scatenato uno dei maremoti più potenti che la storia del Paese del Sol Levante abbia mai subito.  Lo Tsunami che ha devastato le coste giapponesi con onde alte anche fino a 40 metri, come quella che si è abbattuta nelle vicinanze della città di Miyako, ha travolto edifici, navi, treni, automobili, lasciandosi poi alle spalle una nazione ferita e in molti casi senza passato.

Senza passato perché il mare infuriato ha scippato la popolazione giapponese, che è riuscita a fuggire solo con se stessa e null’altro, di un effetto personale impossibile da rimpiazzare: le fotografie. Per ricostruire i ricordi di un passato remoto, alcuni giornalisti (fonte Rotary) hanno deciso di aiutare i sopravvissuti a creare nuovi album fotografici e nuovi ricordi e raccogliere storie dalle vittime.

E proprio in memoria delle vittime dello Tsunami, Ikuo Yokoyama, ha fatto dono di un oggetto tra i più cari a lui appartenuti a uno dei musei americani più visitati: una Harley-Davidson Softail Night Train del 2004. La storia della Night Train ha però dell’incredibile. Infatti, scippata dalla forza devastatrice del mare dal suolo giapponese, la Harley Davidson di Ikuo è stata ritrovata al largo della costa della British Columbia canadese, dopo un anno in balia dell’Oceano Pacifico. La straordinaria scoperta su una remota spiaggia della Graham Island è di Peter Mark. La Softail, completa di targa originale giapponese, è stata trovata in un container, lo stesso utilizzato in origine da Yokoyama per custodirla.

La targa della Softail è della Prefettura di Miyagi, Giappone

Grazie alla collaborazione di agenzie di stampa e rappresentanti della Deeley Harley-Davidson Canada e Harley-Davidson Japan, Ikuo Yokoyama, è stato rintracciato in un alloggio temporaneo nella prefettura di Miyagi, dove vive ancora senza una casa sua e in lotta per ricostruire la sua vita dilaniata dal disastro.  A Yokoyama, commosso, sono arrivate offerte di sostegno da appassionati harleysti di tutto il mondo ma ha declinato l’offerta di Harley-Davidson di riportargli a casa la moto. Ikuo ha chiesto, invece, che la sua Night Train fosse mantenuta nello stato attuale e conservata presso il Museo Harley-Davidson in memoria delle vittime dello Tsunami.

«Siamo veramente fieri di poter esporre la moto del signor Yokoyama – ha dichiarato Bill Davidson, Vice Presidente del Museo Harley-Davidson® – Questa moto ha una storia incredibile da raccontare e noi siamo orgogliosi di poterla condividere». L’Harley-Davidson Museum si trova a Milwaukee nel Wisconsin e offre un inedito scorcio di storia e cultura curato con molta attenzione dalla Harley-Davidson Motor Company, che il prossimo anno festeggia i 110 anni di vita. Una speciale teca in una sala a lei dedicata protegge la Softail Night Train di Ikuo Yokoyama a imperitura memoria.

PHOTOGALLERY

[nggallery id=187]

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *