Input your search keywords and press Enter.

La green Befana 2012: trekking, fate e gnomi nei Parchi dell’Alta Murgia

La chiesetta-neviera di San Magno (XII sec.) è un tipico esempio di architettura rurale

Una befana decisamente insolita. Moderna ed ecologica. E se la natura la fa da padrona l’idea più originale da proporre a conclusione di questo periodo di feste è una passeggiata giovedì 6 gennaio in direzione del monte Savignano, uno dei più alti rilievi del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, situato a soli 5 chilometri da Castel del Monte. Il monte domina una pseudo steppa tra i cui calcari spuntano ferula, asfodelo, verbasco, ideale location per il trekking proposto dal WWF Bari (rientra nel programma “Escursionando”) che permette ai partecipanti di visitare quasi un paesaggio lunare con un dislivello di circa 150 metri. Che lascia senza fiato perché dal punto più alto è possibile godere uno dei pochi laghetti carsici presenti, direttamente alimentato da polle d’acqua, habitat scelto da tritoni e ditischi. Questa è una zona tra l’altro importante per approvvigionamento e sosta di volpi, cinghiali, serpenti e rapaci. Non lontano si erge poi la chiesetta-neviera di San Magno (XII sec.), tipico esempio di architettura rurale sacra edificata con malta e pietre disuguali, ed è possibile aggirarsi tra i sepolcri a tumulo della vasta necropoli di San Magno, risalenti all’età protostorica (VIII-VI sec. a.C.), le cui tombe custodivano oggetti in bronzo, in ferro e vasellame. Il programma inizia alle 8.30 col raduno all’ingresso principale di Parco 2 Giugno (in Viale Enaudi a Bari) prosegue dopo circa un’ora con la visita guidata e include il pranzo al cui termine c’è poi l’escursione – come già annunciato- alla chiesetta e alla Necropoli di San Magno. Per info e prenotazioni (entro mercoledì 4 gennaio) rivolgersi a Rossella Gendarmi 320.45.731.11 (ore pasti). Si raccomanda di indossare abbigliamento comodo e scarpe da trekking.

Epifania tutta per i bambini nel bosco Selva Reale, sulla Corato-Gravina

L’alternativa non ha bisogno di molte spiegazioni, basta il titolo: Happyfania, tra tradizioni e magia Sempre il 6 gennaio, la mattina nel bosco Selva Reale, sulla Corato- Gravina, dalle 11 alle 13. Si susseguiranno per grandi e piccoli una serie di iniziative, prima fra tutte La Befana vien di Notte, lo spettacolo di burattini condotto dall’Associazione Culturale A Sud di Macondo, storia fantastica (perché ci piace sognare anche da adulti) della più famosa e tenera vecchina trasformatasi in un’adorabile streghetta a cavallo di una scopa. E poi arrivano nell’ordine la fata Querciolina, il folletto Gnac , la truccabimbi folletta Pennellina per trasformare invece tutti gli ospiti in folletti e gnomi. Per concludere e restare in tema “incanto”, da non perdere l’esibizione di otto cavalli di pura razza murgese, splendido esemplare del territorio pugliese, alle prese con esercizi di Alta Scuola. Lavoro agli attacchi classici, riprese di addestramento singole ed in paix de deux, esecuzione di caroselli e figure in piano a cura del gruppo dell’Accademia Nazionale di Arte Equestre Il Nero Luminoso. Il tutto avviene a ritmo di danze pugliesi e brani delle tradizioni del territorio come gli antichi costumi tradizionali. Per info, costi e prenotazione: 080. 89.710.11 oppure 346. 607.01.90; sito web www.selvareale.it

A Napoli dal 6 all'8 gennaio i "Friarelli ribelli" e il gruppo sci realizzeranno il primo orto urbano

Fuori porta che succede? Un “attacco green” in piena regola. Il 6-7-8 gennaio a Napoli -a partire dalle 9.30- al Centro “La Tenda”, (Via Sanità) si svolgerà il Befana Gardening, guidati dai Friarielli Ribelli che realizzeranno il loro primo orto in città. Loro preannunciano che prenderanno di mira il grande giardino all’interno di questa struttura, costituita da un vecchio convento che ora ospita un centinaio di persone senza fissa dimora. Il team di volontari realizzerà un orto sinergico con lo scopo proprio di renderlo fruibile agli attuali inquilini,con la prospettiva di poterlo curare periodicamente con futuri interventi. “Attacco verde” sarà fatto in collaborazione con i ragazzi dello sci Napoli, organizzatori di un mini campo di tre giorni. Per chi volesse partecipare, l’invito è aperto a tutti (Clicca quiper saperne di più).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *