Input your search keywords and press Enter.

La Germania si fa verde

Nella prima metà del 2011, la Germania è riuscita a utilizzare energia pulita per il 20% della produzione energetica totale. Nel 2010, il consumo di energia verde era stao invece pari al 18,3% della domanda totale. Secondo l’Associazione Tedesca delle Industrie di Energia e Acqua (BDEW), che rende noti i dati nell’ultimo rapporto pubblicato, quest’incremento non ha collegamenti con la decisione del Cancelliere Merkel di chiudere immediatamente i sette impianti nucleari dopo il disastro di Fukushima. Innegabile resta però il fatto che quest’evento sia riuscito a dare una sferzata a lungo termine verso l’addio definitivo al nucleare, fissato per il 2022. Intanto la Merkel ha dichiarato che il prossimo traguardo sarà raggiungere il 35% della produzione energetica da fonti rinnovabili.

Entrando nel dettaglio, è possibile constatare come il vero cambiamento si sia avuto soprattutto nel settore fotovoltaico, che ha registrato un vero e proprio boom. Secondo il BDEW il fenomeno è da ricondursi a due motivazioni: i prezzi delle attrezzature sono crollati del 50% dal 2006, con un regime maggiore di concorrenza, e il governo federale ha deciso di non tagliare gli incentivi per la produzione privata di energia solare.

Print Friendly, PDF & Email