Input your search keywords and press Enter.

La Corte dei Conti di Bologna accoglie il ricorso di tre esposti all’amianto

Il giudice monocratico della Corte dei Conti di Bologna, dott. Marco Pieroni, ha accolto i ricorsi di Michele Siri, Claudio Iaschi e Roberto Martinelli, esposti ai rischi dell’amianto, assistiti dagli avvocati Ezio Bonanni e Massimiliano Fabiani. La corte d’Appello di Bologna, riconosciuta la propria incompetenza in materia, aveva individuato nella Corte dei Conti l’autorità idonea a decidere la controversia. I difensori dei ricorrenti, però, hanno evidenziato nel ricorso che l’attribuzione della giurisdizione era solo una misura volta a interrompere gli effetti del provvedimento impugnato. Ciò non toglie – scrivono i legali nel ricorso – che il danno subito dagli assisti Michele Siri, Claudio Iaschi e Roberto Martinelli, che la stessa sezione lavoro del Tribunale di  Bologna aveva già in precedenza riconosciuto sulla base della consulenza tecnica elaborata dal prof. Alfonso Micucci, è grave e irreparabile.

La Corte dei Conti che in un primo momento aveva accolto l’appello dell’INPDAP (l’Istituto Nazionale di Previdenza per i dipendenti dell’Amministrazione Pubblica) – i tre ricorrenti sono ex dipendenti della AMPS Spa (Azienda Municipalizzata Pubblici Servizi) di Parma – ha accolto le istanze degli avvocati Bonanni e Fabiani e ha rinviato al 25 ottobre prossimo l’udienza per l’ulteriore trattazione della causa.

Michele Siri, Claudio Iaschi e Roberto Martinelli erano addetti alla manutenzione, riparazione e sostituzione di tubi in cemento amianto.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *