Input your search keywords and press Enter.

Kenguru, l’auto green degli utenti sulla sedia a rotelle

Con kanguru il parcheggio in città non è più un problema

Il primo veicolo a trazione elettrica progettato per gli utenti portatori di handicap sarà disponibile nel Regno Unito al più presto. Si chiama Kenguru ed è una vettura completamente green che fornisce una soluzione di mobilità attesa già da qualche tempo dagli utenti sulla sedia a rotelle. Per gli utenti su sedia a rotelle che desiderano utilizzarla in città senza assistenza, questa potrebbe essere la soluzione ideale. Grazie al suo peso, Kenguru è registrata come uno scooter e quindi per guidarla basta solo una patente di guida per motocicli.

L’auto è progettata per permettere il parcheggio con il posteriore rivolto al marciapiede per facilitarne l’accesso. Si entra nel Kenguru salendo su una rampa automatica che viene giù quando la porta sul retro si apre e si accede all’interno restando seduti sulla carrozzina. Lo sterzo assomiglia molto a un manubrio (l’opzione joystick sarà disponibile tra non molto). Si guida restando seduti sulla propria sedia a rotelle che si fissa all’interno della vettura con un dispositivo di blocco. Inserita la chiave di accensione, la porta posteriore si chiude e allo stesso tempo la rampa si solleva. Il Kenguru non si avvia finché la sedia a rotelle non è nella corretta posizione di bloccaggio e la porta completamente chiusa; tutte le condizioni sono state pensate e realizzate pensando alla sicurezza come priorità.

Il prezzo di vendita di Kenguru non è ancora stato deciso perché l’auto è ancora nelle fasi finali di sviluppo e, secondo recenti articoli sulla stampa, una “nuova tassa” potrebbe essere imposta dalla CEE per quanto riguarda le importazioni di veicoli per disabili.

La velocità massima di Kenguru è di 30 miglia l’ora e con una ricarica elettrica può percorrere 30 miglia. Il peso, senza le batterie è di 290Kg.

Per le ultime informazioni visitate il sito spesso che è costantemente aggiornato.

PHOTOGALLERY

[nggallery id=156]

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *