Input your search keywords and press Enter.

Io non spreco, “Rifiuto con Affetto”: e tu?

Si chiamaRifiuto con affetto(RCA) il progetto decisamente ecologico e originale realizzato da un gruppo chiamato Publink, formato da tre ragazze stufe della diffusa consuetudine di gettare nella spazzatura oggetti ancora utilizzabili senza neppure pensare “E se questo oggetto potesse tornare utile a qualcun altro?” L’obiettivo del gruppo artistico Publink è indagare le potenzialità del linguaggio dell’arte, esplorando i limiti tra lo spazio pubblico e privato, tra collettività e individuo, nel quotidiano. Quante volte capita di affezionarsi talmente tanto ad oggetti cari che dispiacerebbe buttarli via? Per questo nasce “Rifiuto con affetto”, un progetto legato al riciclaggio e al riuso dell’oggetto che può non essere più utile ad una persona ma che può servire ad un’altra: se qualcuno rifiuta con affetto, qualcun altro se ne può affezionare.

Il progetto "Rifiuto con affetto" è attivo dal 2008

È questo il principio di RCA: rimettere in circolazione gli oggetti che diversamente andrebbero a finire in discarica. Il luogo del “rifiuto” per eccellenza, il cassonetto, in questo caso diventa protagonista dell’iniziativa, punto di scambio tra oggetti che riacquistano utilità e occasione di incontro tra persone che si “riaffezionano” che si scambiano esperienze oltre che piccoli o grandi pezzi di vita. Il cassonetto RCA è dotato di ante scorrevoli trasparenti e di interni suddivisi in mensole dove posizionare gli oggetti “rifiutati con affetto” e cioè tutti quegli oggetti che ci hanno accompagnato per una parte di vita e che hanno terminato il loro percorso. Il cassonetto è posizionato per le strade o negli spazi pubblici come biblioteche, scuole, librerie, centri di aggregazione, sedi di associazioni, è un armadio pubblico a disposizione di tutti i cittadini. Si cerca di sfruttare l’idea di cassonetto come vetrina che mira a creare una relazione tra interno ed esterno, l’azione del “buttar via” si trasforma in un “lascia e prendi”. Il progetto incoraggia i cittadini alla pratica del riuso e del riutilizzo e allunga la vita dei prodotti diminuendo la quantità di rifiuto prodotto. È uno stimolo a superare il consumismo imperante, un gesto di lotta allo spreco, un richiamo al senso civico, un modo per aiutare a riflettere su stili di vita maggiormente consapevoli.

I cassonetti RCA sono un invito a superare il consumismo

Il progetto è attivo dal 2008 e ha già riscosso successo nelle città di Bergamo, Gubbio, Ravenna, Rivignano, Rovereto, Mestre e Venezia. In affiancamento al cassonetto RCA in tali città è partita anche una campagna di sensibilizzazione e comunicazione, parte integrante dell’intero progetto necessaria per informare il cittadino sull’utilizzo del cassonetto e studiata appositamente per il luogo al quale è destinata. Attraverso la diffusione di materiale informativo, l’organizzazione di eventi e incontri pubblici e di laboratori ludico-didattici rivolti ai bambini delle scuole si intende sensibilizzare un pubblico sempre più vasto e favorire la creazione di una rete di collaborazioni con le realtà presenti sul territorio, fondamentali nella gestione del progetto. Molti comuni che vorrebbero sviluppare una progettualità attenta alle problematiche ambientali troverebbero in RCA una risposta concreta; rifiutare con affetto è una buona pratica, un’ abitudine necessaria in quelle comunità che intendono mettersi in gioco e creare un nuovo modello di società più ecologica e sostenibile.

I cassonetti sono sistemati in luoghi strategici di incontro

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *