Inverno 2020: ambienti confortevoli controllando le bollette

casa_interno_foto_pexels-
(foto Pexels)

 Le proposte più interessanti in tema di giusta temperatura in casa sono fatte per risparmiare

Ormai le temperature si sono abbassate e anche se l’inverno non ha ancora fatto il suo ingresso ufficiale ci troviamo a tenere sempre più ore acceso il riscaldamento in casa. Se aggiungiamo la situazione che stiamo vivendo dettata dalla pandemia da COVID che ci impone di restare in casa, anche per lavorare, possiamo capire come proprio dalle nostre abitazioni   ci si attende un livello di comfort e di efficienza ancora maggiore, senza che questo intacchi però “l’economia domestica”. Ecco allora alcuni consigli e soluzioni da parte degli esperti per ovviare a questo problema “moderno” e per tenere sotto controllo le bollette.

LEGGI ANCHE: Come risparmiare luce e gas

Imposta la temperatura giusta nella tua casa

La temperatura ideale per l’ambiente che garantisce i maggiori benefici in termini di salute e benessere è non più di 18-19 gradi.

Non coprire mai i termosifoni ed elimina gli ostacoli

I termosifoni non vanno mai coperti, né sopra con coperture di nessun genere, né davanti con tavoli o mobili di vario tipo, perché, in questo modo il calore trasmesso dal radiatore non si diffonde correttamente nell’ambiente, che quindi si riscalderà più lentamente, con un conseguente spreco di energia.

Spegni il riscaldamento prima di uscire e assicurati sempre di trovare la giusta temperatura quando torni a casa

cronotermostato
Gli ultimi cronotermostati permettono di determinare la temperatura ideale nell’esatto momento in cui si rientra a casa

Per chi vuole avere sempre un ambiente confortevole anche dopo assenze di diverse ore, la soluzione è il cronotermostato. Quelli di ultima generazione permettono di controllare da remoto il proprio termostato, assicurandosi di trovare all’interno della propria abitazione la temperatura ideale nell’esatto momento in cui si rientra a casa.

Tramite la app cui i cronotermostati sono collegati  è possibile programmare l’accensione e spegnimento del riscaldamento, oppure comandarlo manualmente; come se non bastasse, alcune app hanno anche la possibilità di agire autonomamente seguendo gli spostamenti dei padroni di casa e riconoscendo le abitudini di chi lo comanda e localizzando le persone tramite gli smartphone  assicurandosi, di conseguenza, che il riscaldamento sia acceso una volta tornati a casa. Ed è proprio questa tecnologia che permette di risparmiare sulla bolletta, con i riscaldamenti che si accendono e spengono in totale autonomia, senza alcun bisogno di programmazione oraria.

Imposta diverse temperature a seconda dell’ambiente che vivi di più, in un determinato momento

valvola termostatica Thera6_Vertica
Le valvole termostatiche di ultima generazione garantiscono ottime prestazioni unite a un design raffinato

Un’altra possibilità di risparmiare sui costi del riscaldamento è data dai sistemi a regolazione a zona. Questa soluzione è l’ideale per chi – soprattutto in tempi di smart working –  lavora in casa: permette infatti di programmare temperature diverse per ogni ambiente e in qualsiasi momento della giornata, raggiungendo il massimo livello di comfort con la massima efficienza energetica grazie al controllo da remoto. Il sistema è comodo e facile da installare e utilizzare e garantisce un risparmio fino al 40%1 in bolletta.

Cambia aria aprendo le finestre, le valvole si chiuderanno per non sprecare riscaldamento

Anche alcune valvole termostatiche per radiatore si propongono come prodotti perfetti per chi passa gran parte del proprio tempo in casa. Grazie ai loro sistemi innovativi di riconoscimento della temperatura, le valvole termostatiche più evolute riconoscono autonomamente quando viene effettuato il ricambio dell’aria e, automaticamente, lavorano sulle valvole dei riscaldamenti, chiudendole e facendo così risparmiare energia e denaro.

Non dimenticare di effettuare la manutenzione degli impianti

È importante pianificare la pulizia degli impianti o l’adeguamento degli stessi. Un impianto non in perfette condizioni, o obsoleto, infatti, risulta essere anche dispendioso.

Articoli correlati