Innovazione, premiata AraBat che ricicla le batterie a litio

Il Team pugliese si è aggiudicato il primo premio nella Categoria Iren Cleantech & Energy al PNI 2022 al Palazzo dell’Emiciclo de L’Aquila

 

Il team pugliese AraBat, già vincitore del primo posto alla Start Cup Puglia 2022, il Premio regionale dell’innovazione organizzato da ARTI, in collaborazione con Regione Puglia e PNI, ha trionfato anche alla 20esima edizione del Premio nazionale dell’Innovazione che si è svolto il 1° e il 2 dicembre a L’Aquila.

Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

AraBat composto da: Raffaele Nacchiero, Giovanni Miccolis, Leonardo Renna, Vincenzo Scarano e Leonardo Binetti ha vinto con un progetto su riciclo di batterie al litio esauste e relativo recupero di metalli preziosi, attraverso le bucce delle arance, il primo premio per la categoria Iren Cleantech & Energy per un valore di 25mila euro, prevalendo sui concorrenti provenienti dalle altre 16 Start Cup regionali.

La tecnologia implementata dal team, con il supporto dello STAR Facility Centre dell’Università di Foggia, consiste in un processo di riciclo idrometallurgico innovativo e sostenibile con lisciviazione verde che consente di riciclare le batterie al litio (di autovetture, computer, smartphone, ecc.) e di recuperarne composti metallici ad elevato valore e purezza come il carbonato di litio, l’ idrossido di nichel, l’ idrossido di manganese o l’ idrossido di cobalto. AraBat si è inoltre aggiudicata la menzione speciale Encubator che consente l’accesso diretto alla fase semifinale dell’edizione 2022 dell’omonimo programma di accelerazione promosso da Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, PoliHub e Politecnico di Milano rivolto a progetti tecnologici in ambito sostenibilità e Climate Tech.

Quattro le categorie in gara (Industrial, Life Science-MedTech, Ict, IREN Cleantech&energy,) nelle quali i 65 team provenienti da tutta Italia, e poi i 16 super finalisti, si sono sfidati a colpi di pitch nel corso della finale del 02 dicembre. Alla competizione hanno partecipato anche gli altri vincitori di Start Cup Puglia 2022: 6DOF Labs, NebraSkay Studio, Endymion (tra i 4 finalisti della categoria ICT) e Wast3D Shells.

Siamo orgogliosi che le idee innovative della Puglia si siano affermate anche al PNI – ha dichiarato il presidente di ARTI Vito Albino – in questi 15 anni di Start Cup Puglia abbiamo visto nascere diversi progetti che si sono poi concretizzati in imprese. Anche quest’anno grazie al lavoro di squadra di ARTI, del Comitato Promotore e di Regione Puglia, abbiamo intercettato i team più promettenti accompagnandoli con un percorso ad hoc fino a quest’importante riconoscimento nazionale. Ora sarà il mercato a giudicare queste start up, noi saremo comunque al loro fianco perché il lavoro di ARTI non termina qui”.

Con le start up anche Stefano Marastoni dell’ARTI, referente della Start Cup Puglia che ha sostenuto i propri finalisti attraverso sessioni di accompagnamento alla formulazione del piano di impresa.

Il Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), istituito nel 2003 dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition – PNICube, quest’anno è stato organizzato dall’Università degli Studi dell’Aquila, in collaborazione con il Gran Sasso Science Institute (GSSI) e l’Associazione Innovalley.

Un milione e mezzo di euro il montepremi complessivo di cui circa 500.000 euro in denaro e 1 milione in servizi, offerti dagli Atenei e dagli incubatori soci di PNICube lungo tutto il percorso che dalle competizioni regionali porta alla sfida finale.

La Giuria, oltre ai quattro premi da 25.000 euro ciascuno, ha decretato un vincitore assoluto che ha vinto la Coppa dei Campioni, si tratta di Archygram una web app basata su AI che rende automatico il rilievo e a classificazione architettonica usando immagini di uno smartphone. Diversi anche i Premi Speciali messi a disposizione da prestigiose aziende partner.

Articoli correlati