Input your search keywords and press Enter.

Infrastrutture verdi e il capitale naturale

L’Europa promuove il ricorso alle infrastrutture verdi, che dovranno diventare parte integrante della pianificazione territoriale. Le infrastrutture verdi si servono della natura per ottenere benefici ecologici, economici e sociali. Ad esempio, le zone umide naturali sono la soluzione di difesa dalle alluvioni, in quanto assorbono l’acqua in eccesso provocata da piogge intense.

Si terrà giovedì 3 ottobre a Milano il convegno Infrastrutture verdi e il capitale naturale nel quadro dell’attenuazione e dell’adattamento alla crisi climatica. Gli esperti del settore parleranno del valore socio-economico delle infrastrutture verdi e del contributo che queste possono dare allo sviluppo della green economy.

Il convegno sarà ospitato nello Spazio Eventi Sole24ore, sala Collina, a partire dalle 9. Dopo i saluti delle Istituzioni locali apre i lavori la relazione introduttiva di Edo Ronchi, presidente della Fondazione Sviluppo Sostenibile. Intervengono: Pia Buccella, della Commissione Europea; Fabrizio Antonioli, ricercatore Enea; Marco Bindi, Università di Firenze; Carlo Blasi, Università Roma 1; Nicoletta Cannone, Università dell’Insubria; Ireneo Ferrari, Università di Parma; Marco Frey, presidente del Global Compact Network Italia; Sergio Malcevschi, Università di Pavia; Riccardo Santolini, Università di Urbino; Rappresentanti dell’Anci, dell’Upi e di Unioncamere. Prevista la partecipazione del ministro dell’Ambiente Andrea Orlando e del ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato.

Il Convegno è il primo degli appuntamenti preparatori alla Conferenza nazionale La Natura dell’Italia. Biodiversità e aree protette: la Green Economy per il rilancio del Paese.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *