Input your search keywords and press Enter.

In Venezuela ponti da Guinness

Da sempre, il ponte non ha semplicemente consentito all’uomo di collegare due sponde: è stato il primo vero strumento di comunicazione tra i popoli.

Per realizzare il Ponte rosso sono stati riciclati circa 400 bancali equivalenti a 100 alberi di pino dell'età di 10 anni

Lo sapevano bene gli antichi romani, i più grandi costruttori di strade e ponti dell’antichità, veri maestri nel mettere in relazione tra loro culture diverse facilitandone lo scambio e l’assimilazione reciproca. Secoli dopo, molti ponti dell’antichità sono ancora lì a testimonianza di un passato glorioso, ma l’utilità stessa dello strumento ha continuato a “camminare” nel tempo. In Venezuela è stato costruito il ponte di legno pedonale più lungo del mondo. Fin qui, farebbe già notizia, se non fosse anche che il valore aggiunto dell’opera, lunga ben duecentodieci metri, è la sua componente ambientale: è stato costruito con legno riciclato.

Il Venezuela fa scuola – Il “Ponte Rosso” si trova all’interno del Parco “Tierra de Sueños”, nella parte occidentale del paese sudamericano, nella comunità di Santa Rosa de Agua, ed è stato progettato per attraversare un’importante palude di mangrovia rossa. Per la sua costruzione sono stati riciclati circa quattrocento bancali o pallet, equivalenti al taglio di cento alberi di pino dell’età di dieci anni. Dei circa ottomila chiodi impiegati, un terzo è stato recuperato tra quelli ancora conficcati nel legno riciclato.

Il Ponte della Cappella a Lucerna risale al 1333

E’ un chiaro esempio, questo, di un’opera realizzata seguendo i concetti del ridurre gli sprechi, riutilizzare il materiale scartato e riciclare quanto possibile per abbattere i costi sia economici ma soprattutto ambientali. Il ponte è stato realizzato da un gruppo di giovani ingegneri del Forum Energetico Umanista, che in modo volontario hanno dato vita alla struttura.

Cammina cammina… – Al capo opposto del continente sudamericano, in Cile, un’azienda aderente al Centro di Trasferimento Tecnologico di Legno (CTT) e alla Corporation del Legno (Corma) ha costruito un ponte in Pino radiatadi trentadue metri di lunghezza, in grado di sostenere il peso di veicoli fino a sessantacinque tonnellate di peso, e capace di durare per circa un secolo.

Il Ponte Tynset in Norvegia, sul Glomma, è il ponte di legno con la più grande illuminazione al mondo

In Occidente, invece, il ponte pedonale in legno più longevo è quello di Kapellbrücke (Ponte della Cappella), che si trova nella città svizzera di Lucerna. Costruito nel 1333 sul fiume Reuss, è lungo duecentoquattro metri ed ha il fine di collegare le due sponde della città. In Norvegia, invece, il ponte Tynset sul fiume Glomma, nella Contea di Hedmark, a quattrocento chilometri a nord di Oslo, è il ponte di legno con la più grande illuminazione al mondo. Nella sua costruzione sono stati impiegati quattrocento metri cubi di legno di conifere laminato e duecento metri cubi di legno di conifere solidi segati. Attualmente, la Norvegia sta costruendo il Ponte Flisa in legno, che sarà il più lungo di Europa con i suoi centonovantasette metri di lunghezza.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *