In Svizzera viaggia il treno, elettrico, più lungo del mondo

Ben 100 vagoni per i passeggeri, lungo 1910 metri e 4500 posti a sedere. Tutto questo come simbolo di innovazione e sostenibilità

 

In Svizzera la Ferrovia Retica (RhB) ha ospitato il treno passeggeri più lungo del mondo, con il supporto del suo partner tecnologico ABB. Questo risultato è certamente una testimonianza del progresso del trasporto ferroviario elettrico.

Ben 100 vagoni, 4.550 posti a sedere e un peso totale di 2.990 tonnellate, il treno ha percorso una distanza di 24 km attraverso le Alpi svizzere, con un dislivello di 790 m, in 45 minuti. Il nuovissimo convertitore di trazione di ABB ha fornito 1,6 MW di potenza a ciascuna delle 25 unità che alimentavano il treno. Durante il tentativo di record mondiale, alla stazione finale è stato presentato un modellino ferroviario lungo 80 metri.

La ferrovia elvetica è 100% elettrificata

Foto archivio

Da oltre 100 anni la RhB si affida alla tecnologia ABB per l’elettrificazione delle sue linee ferroviarie e del materiale rotabile. Sui suoi 385 km di linee ferroviarie completamente elettrificate vengono trasportati ogni anno circa 12 milioni di passeggeri e 620.000 tonnellate di merci. Poiché ABB innova continuamente la sua tecnologia e migliora le prestazioni delle soluzioni, migliorano anche le prestazioni di clienti come la RhB. I treni Stadler “Capricorn”, equipaggiati con i più recenti convertitori di trazione Bordline di ABB, sono così efficienti dal punto di vista energetico che la RhB risparmia circa 900 MWh all’anno, sufficienti per alimentare 200 abitazioni.

La rete ferroviaria svizzera è lunga circa 5.500 km ed è elettrificata al 100%. Essendo l’unico Paese europeo con tutte le linee ferroviarie elettrificate, la Svizzera è all’avanguardia nei servizi ferroviari, efficienti dal punto di vista energetico e rispettosi dell’ambiente. La quota media di sistemi ferroviari elettrificati in tutti i Paesi europei si è attestata al 56% su una lunghezza complessiva di 200.161 chilometri nel 2019. La rete ferroviaria della Deutsche Bahn AG in Germania nel 2021 era lunga 33.401 chilometri e meno del 60% era elettrificato.

Energia dalle frenate

Foto archivio

Poiché ogni viaggio in treno comporta un’enorme quantità di frenate e accelerazioni, l’energia di frenata può essere recuperata e riutilizzata. Quando un treno elettrico convenzionale decelera, i motori agiscono come generatori e producono elettricità. Nella maggior parte dei casi, solo una parte di questa energia viene utilizzata per i sistemi di bordo e trasmessa ai treni che viaggiano sullo stesso binario. I sistemi di accumulo di energia a terra di ABB consentono agli operatori di immagazzinare questa energia di frenata e di restituirla alla linea per sostenere l’accelerazione di altri treni che transitano sullo stesso tratto di linea. La capacità di sfruttare l’energia rigenerativa utilizzata in questo ciclo migliaia di volte al giorno offre la più grande opportunità di migliorare l’efficienza energetica dei sistemi di trazione e di ridurre la domanda della rete. Con questo sistema si può ridurre il consumo energetico complessivo fino al 30%. Un’altra opportunità di utilizzo dell’energia di frenata recuperata consiste nella possibilità di restituirla alla rete.

Le ferrovie elettrificate nel mondo

ABB sta apportando innovazioni ferroviarie sostenibili ai principali progetti di infrastrutture ferroviarie in tutto il mondo. Le tecnologie di trazione ABB alimenteranno i nuovi treni della rete ferroviaria europea, in paesi come Regno Unito, Spagna, Portogallo, Germania, Austria e Svizzera. Le soluzioni ABB per l’accumulo di energia per le linee ferroviarie a 750 Volt sono utilizzate negli Stati Uniti e in Europa. ABB ha anche sviluppato una soluzione adatta a 1.500 Volt per le linee ferroviarie che operano negli stati meridionali dell’Australia.

Articoli correlati