Input your search keywords and press Enter.

IMU agricola: battaglia bipartizan per l’esenzione

Nessun accenno da parte della Camera dei deputati a eliminare o ridurre l’IMU agricola

Mentre continua nelle piazze italiane aMontecitorio la protesta degli agricoltori, il decreto sull’IMU rurale approda in Aula alla Camera. Il Governo e la maggioranza non hanno preso in considerazione le richieste di modifica elaborate dall’opposizione per eliminare quella che, da più parte, viene definitiva “la patrimoniale sui terreni”. Una situazione analoga a quanto successo la scorsa settimana alla aCommissione Finanze, dove era rimasta aperta la partita solamente per l’eventuale esenzione dell’IMU agricola sui terreni contaminati o per quelli colpiti da fitopatie come la Xylella fastidiosa o la peronospora, ad esempio, che hanno danneggiato pesantemente le imprese e i coltivatori pugliesi.

«Se l’Esecutivo ha preferito bocciare tutti gli emendamenti che abbiamo presentato, non ci è rimasto che cercare di strappare almeno la promessa di intervenire entro la data finale stabilita per il pagamento di questo inutile, assurdo ed incostituzionale balzello. – dichiara il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura e relatore di minoranza nella discussione del decreto alla Camera – Abbiamo presentato, infatti, ordini del giorno che impegnano il Governo Renzi ad estendere l’esenzione IMU per gli anni 2014 e 2015, ai terreni agricoli danneggiati da fitopatie, a quelli da bonificare e presenti nei siti di interesse nazionale (SIN). A nostro parere – continua L’Abbate – andrebbe quantomeno tesa una mano almeno a quei coltivatori pugliesi che sono stati danneggiati da fitopatie e che devono registrare un drastico crollo delle produzioni e del reddito, non per colpa loro. Solo per la Xylella fastidiosa e la mosca dell’olivo, infatti, dobbiamo registrare in Puglia un calo della produzione di olio extravergine pari al 65%: in una Regione che rappresenta il 35% della produzione nazionale, l’8% mondiale. Si rischia – conclude il deputato pugliese 5 Stelle – l’abbandono dei campi, un intero settore al tracollo e solo per il capriccio degli 80 euro renziani».

Estremamente crotico anche Nuccio Altieri, deputato di Forza Italia.. «L’imposizione dell’Imu sui terreni agricoli e’ una mostruosità inaccettabile, perché gli agricoltori hanno già’ pochi soldi da investire nelle proprie coltivazioni, figuriamoci se ne hanno per pagare nuove tasse che servono a Renzi per finanziare i tanti sprechi di questo Governo e gli ottanta euro dati a pochi italiani. L’agricoltura sta sopportando gli effetti della crisi più di ogni altro comparto, gli agricoltori hanno già subito l’aumento del costo del gasolio agricolo. In aula abbiamo presentato tanti emendamenti per la soppressione dell’IMU agricola, ma il PD li ha respinti tutti»
Anche forza Itaslia annuncia battaglia. «Chiederemo ai Sindaci di opporsi alla riscossione di questa dannosa tassa» conclude Altieri, che preannuncia una class action contro il Governo per eliminare l’IMU sui terreni agricoli.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *