Imprenditori giovani e coraggiosi acquisitano uno dei più noti caseifici di Monopoli

Giuseppe Brisacani e Antony D’Aprile parlano della loro “avventura” professionale e pensano ad una scuola per casaro

 

Giuseppe Brisacani al lavoro

Ci vogliono  capacità, cuore e coraggio. E  tanta ambizione. In ballo c’è il futuro per se stessi e per le proprie famiglie. Il lavoro di casaro è difficile, ti costringe ad orari assurdi, a lavorare di notte, ma Giuseppe Brisacani, 39 anni e Antony D’Aprile, 28, entrambi di Noci, non si sono fatti spaventare e hanno acquisito uno dei più noti caseifici di Monopoli, il caseificio Egnatia.

“Volevamo qualcosa di nostro – dice Giuseppe Brisacani, –  responsabile della produzione e da vent’anni in ambito caseario –  da qui l’idea  e poi la realizzazione del progetto mio e di Antony di acquisire uno dei caseifici più rinomati di Monopoli. Non è stato facile, eravamo in contatto con l’ex proprietario da tempo, abbiamo dovuto superare molte situazioni complicate, ma ce l’abbiamo fatta. Alla fine del 2023 il nostro progetto è diventato realtà. Avevamo il nostro caseificio”.

Metodi tradizionali per prodotti sani

Parliamo in un locale avvolto dal dolce profumo del latte. L’entusiamo dei due giovani imprenditori è quasi palpabile. Il lavoro qui si svolge in maniera tradizionale, niente artifici da grande industria, solo  bontà autentiche, qui si lavora con siero innesto. La   materia prima, il latte, è fornito da tre aziende agricole  locali. Il caseificio ritira per la lavorazione giornaliera 11-12 quintali di latte. Sono numeri importanti che “danno vita” a prodotti di eccellenza che comprendono  un vasto repertorio, dalle mozzarelle alla ricotta ai formaggi  e varie stuzzicherie tutte a base di latte. Un “paradiso” di bontà apprezzato dai clienti . L’obiettivo, naturalmente è questi due giovani imprenditori è continuare a crescere. Ma c’è ancora uno scoglio da superare: la mancanza di manodopera. Un’ombra che oscura tanto entusiasmo.

“Manca la manodopera? Facciamo una scuola per casaro”

Cercare figure professionali è importante per il futuro stesso  di questo settore

“Cerchiamo casari – dice Antony D’Aprile responsabile della rete commerciale e distribuzione dei prodotti Egnatia – vorremmo anche gente che sia disposta a imparare. Lo sappiamo che è un mestiere difficile, per noi  ad esempio la lavorazione inizia a mezzanotte. Cercare figure professionali però è importante per il futuro stesso  di questo settore. Ed è per questo che siamo propensi ad istituire una scuola per casaro. E’ il nostro obiettivo in un prossimo futuro” .

E forse la svolta per il futuro di molti giovani.

 

 

 

Articoli correlati