Input your search keywords and press Enter.

Impianti a fonti rinnovabili: un bando in scadenza per Puglia, Campania, Calabria e Sicilia

Scade alle ore 12,00 del prossimo 30 giugno il bando di concorso emanato dal Ministero dello Sviluppo economico per la realizzazione di impianti a fonti di energia rinnovabili nelle Regioni Obiettivo “Convergenza” (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia). Gli impianti devono venire realizzati per alimentare gli edifici pubblici ubicati nelle regioni citate, in linea con quanto previsto dall’Asse 1, linea di attività 1.3. del Programma Operativo Interregionale (POI) “Energie Rinnovabili e risparmio energetico“ 2007. Possono presentare domanda di contributo le Amministrazioni dello Stato, Regioni, Province, Comuni e Comunità montane, proprietarie degli edifici su cui si può attuare l’intervento; sono ammesse anche le Università statali. Ricordiamo che l’Asse 1( Produzione di energia da fonti rinnovabili) prevede :

<p>Installazione di pannelli fotovoltaici integrati</p>

Installazione di pannelli fotovoltaici integrati

– Attivazione di filiere produttive – Sostegno dello sviluppo dell’imprenditoria innovativa

– Sostegno della produzione di energia rinnovabile per edifici e utenze energetiche pubbliche

– Interventi sperimentali di geotermia ad alta entalpia

– Promozione e diffusione di piccoli impianti nelle aree naturali protette e nelle isole minori

Alla base di questo bando, dunque, c’è l’interesse di agevolare con ulteriori risorse le opportunità di sviluppo locale ma anche favorire una vera e propria “cultura” energetica; un’apposita sezione del Dicastero dello sviluppo Economico – la Direzione Generale per l’Energia Nucleare, le Energie Rinnovabili e l’Efficienza energetica (MiSE DGENRE) – lavora in questo senso. Si spiega così l’emanazione di questo bando in regioni, oggetto di una particolare attenzione da parte dell’UE, il cui PIL pro capite è inferiore al 75% della media comunitaria. Continua quindi la strategia di sostegno delle fonti rinnovabili che punta non solo ad ottenere risparmi economici ma anche a stimolare la realizzazione di un’impiantistica innovativa e rispettosa dell’ambiente. L’obiettivo principe è anche quello di attuare interventi pilota che possano essere da stimolo per il privato al fine di una sempre maggiore diffusione delle energie rinnovabili.
 
 
Un impianto fotovoltaico

Un impianto fotovoltaico

<p>Parkhaus a Zwolle in Olanda, parcheggio con fotovoltaico integrato, progetto del 2003</p>

Parkhaus a Zwolle in Olanda, parcheggio con fotovoltaico integrato, progetto del 2003

Interessanti alcune indicazioni contenute nel bando. A proposito di impianti fotovoltaici, si prevede che siano “totalmente” integrati nell’edificio oggetto dell’intervento, con un’integrazione, architettonica, quindi, nell’edificio. Rientrano tra gli interventi anche le pensiline fotovoltaiche nei parcheggi (c’è un vero boom di questa tipologia di impianto), purchè di pertinenza dell’amministrazione che si aggiudica i finanziamenti.

Per quanto riguarda i costi ammessi agli interventi, poi, il range di spesa va da 100mila a 1 milione di euro; il finanziamento (fino al 100% del costo ammissibile, ma senza certezze sui tempi di erogazione) è da considerarsi a fondo perduto Il testo completo dell’avviso e la relativa modulistica sono disponibili ai seguenti indirizzi: www.sviluppoeconomico.gov.it  e/o www.poienergia.it. I chiarimenti possono venire richiesti all’indirizzo poi.energia@sviluppoeconomico.gov.it.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *