Input your search keywords and press Enter.

Ilva, tempi lunghi per il risanamento

ilva europarlamentari

Il momento finale dell’incontro tra gli europarlamentari e i vertici della Regione Puglia

Tre giorni di visite in fabbrica, colloqui, acquisizioni di documenti e relazioni, tra Roma, Taranto e Bari. Gli otto delegati della commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare (Envi) del Parlamento europeo, hanno conosciuto da vicino la situazione dell’acciaieria Ilva di Taranto, incontrando prima il Governo, poi, tra gli impianti del siderurgico, dirigenti e custodi giudiziari, in prefettura il sindaco, Ippazio Stefàno, con sindacalisti, dirigenti Asl e Arpa, e rappresentanti delle associazioni ambientaliste. Infine, al termine della tre giorni, hanno incontrato i rappresentanti della Regione, con il presidente, Michele Emiliano, in testa.

Una missione, quella dell’Ilva, fortemente  voluta dalla europarlamentare, pugliese del gruppo Gue, Eleonora Forenza, e da Piernicola Pedicini, Efdd, che ha evidenziato le gravi carenze e dal punto di vista ambientale dell’acciaieria, i ritardi nell’applicazione di misure che contengano emissioni nocive, inadempienze e una situazione di pericolo attuale per la popolazione.«Tanti interventi sono stati effettuati ma la strada è ancora lunga. La complessità data dalle dimensioni del sito e dalla maestosità di alcuni interventi necessari, come ad esempio la copertura dei parchi minerari, ci fanno comprendere che i tempi non saranno rapidi. Dobbiamo preservare la salute dei cittadini di Taranto –ha spiegato in conferenza stampa il capo delegazione, nonché presidente della commissione, Giovanni La Via – e delle fasce più vulnerabili della popolazione, come i bambini, ma anche quei posti di lavoro che garantiscono a oltre 12.000 famiglie la possibilità di guardare al futuro. La salute dei lavoratori e dei cittadini non è negoziabile. Ci sono ancora delle mancanze gravi, nonostante l’80% di attuazione dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (Aia). Il nostro compito, come rappresentanti diretti dei cittadini, è proprio quello di fare tesoro di quanto ascoltato e visto in questi giorni, e migliorare il futuro di questa comunità, per ridare speranza alle persone che abbiamo incontrato e che hanno condiviso con noi le loro esperienze e i loro duri racconti di vita in momenti molto toccanti».

Nell’intervista il presidente Giovanni La Via e l’europarlamentare Eleonora Forenza

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *