Input your search keywords and press Enter.

Il risparmio energetico la nuova sfida da raggiungere

La Puglia si accinge ad essere la regione che dovrà guidare il Paese verso il futuro energetico. La missione è stata consegnata dal Distretto Tecnologico Nazionale sull’Energia (DI.T.NE) che ha sede a Brindisi, presieduta dalla Prof.ssa Francesca Alessandra Jacobone.

Nell’energia la Puglia sta già esprimendo ottimi risultati, così come dimostrano i dati degli uffici regionali. La presenza di un distretto tecnologico nazionale come può ulteriormente sostenere questo settore?

«I distretti tecnologici nazionali nascono dopo un accordo tra la Regione ed il Ministero per la Ricerca. La Regione è individuata con particolare interesse per le tematiche prese in considerazione. Nel momento in cui il Ministero aveva deciso di riconoscere un distretto nazionale sull’energia, è molto importante che la Puglia sia stata scelta come la regione sede del distretto per la sua particolare attività. E’ un distretto tecnologico nazionale di riferimento sia per le regioni dell’obiettivo Convergenza (Puglia, Campania,Calabria, Sicilia, n.d.r.) , sia per il quadro nazionale. E’ un segnale molto importante di attenzione del Ministero, della ricerca italiana e delle industrie del settore».

Di.T.N.E - Distretto Tecnologico Nazionale sull'Energia - Brindisi

Con il distretto la regione si accinge ad avere un ruolo leader nelle tecnologie per l’energia?

«Certo, perché diventa sempre di più impegnata a svolgere qualsiasi azione utile per consentire la convergenza di fondi ed attività di rilevanza nazionale nella propria regione».

Qual è il livello tecnologico raggiunto?

«Nel settore dell’energia l’Italia è veramente fra i Paesi più importanti a livello europeo. Nel campo della ricerca ed industriale i nostri centri di ricerca ed industrie esportano conoscenze in Europa. Nel momento in cui le imprese decidono di fare ricerca industriale sia sul carbone pulito, sia sulle fonti rinnovabili, è giusto che si appoggino ad un distretto che ha tutte le competenze del settore. I passi in avanti sono stati veloci e molto importanti. Il distretto raccoglie tutte le competenze della ricerca pubblica e privata che possono portare a soluzioni tecnologicamente più avanzate».

campo fotovoltaico in Puglia

Ci sono già progetti in cantiere?

«Si, ci sono già molti progetti cantiere. Si tratta delle nuove tecnologie per la gestione delle emissioni ed il risparmio energetico».

Quale sarà il futuro energetico della Puglia e del Paese?

«Non si può parlare di un futuro energetico della Puglia e del Paese, anche perché in questo momento abbiamo una serie di attività fino al 2013 che hanno come riferimento i fondi del VII^ Programma Quadro del Ministero. Quando si parla di energia, si ha a che fare con progetti a vent’anni. E’ importante dare il nostro contributo nelle attività e progetti di ricerca industriale, realizzati da imprese ed università, che ci portino alla migliore soluzione di risparmio energetico. E’ solo con il risparmio energetico che potremo fare un vero passo in avanti».

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *