Il quartiere verde di Rimini Fiera

Ritengo che un polo espositivo debba armonizzarsi alla città, globalmente: in termini di interscambio di business e innovazione, ma così pure di condivisione delle politiche ambientali. E la realizzazione del nostro secondo impianto fotovoltaico va anche in questa direzione.

A Rimini Fiera è appena entrato in funzione il secondo impianto fotovoltaico sui tetti dei padiglioni

Rimini Fiera ha la certificazione ambientale UNI EN ISO 14001:2004: tutto il quartiere fieristico è all’insegna del basso impatto ambientale ed è stato premiato con il prestigioso riconoscimento internazionale Elca, Edilizia e Verde di Norimberga. Il legno che domina nei tratti architettonici del quartiere proviene dalla Scandinavia dove il ciclo di rimboschimento è continuo. Grandi finestre e lucernai a soffitto consentono un’illuminazione prevalentemente naturale; inoltre nelle aree di ingresso, dove è richiesta un’illuminazione costante, è utilizzata prevalentemente la tecnologia luminosa a led con l’85% di risparmio di energia elettrica.

Lorenzo Cagnoni, presidente di Rimini Fiera

A novembre 2010 s’inaugura un impianto fotovoltaico a copertura dei parcheggi dell’ingresso ovest. La potenza installata è addirittura di un megawatt. Dal 2006, sulla copertura dell’ingresso principale, esiste già un impianto fotovoltaico, esteso su 400 metri quadrati, che fornisce energia alla hall centrale “risparmiando” annualmente a Rimini circa 40 tonnellate di anidride carbonica.

Il condizionamento del quartiere è ottenuto con un impianto che produce freddo nelle ore notturne e restituisce il fresco in quelle diurne (una sorta di “banca del ghiaccio” che consente una riduzione dell’impegno di potenza di energia elettrica pari a circa il 50%). Per il riscaldamento, invece, una centrale termica con caldaia a condensazione che risparmia alla città di Rimini il 90% delle emissioni di ossido d’azoto rispetto alle caldaie a bruciatore. Le aree interne ed esterne a verde si estendono su 160 mila metri quadri, con oltre 1500 piante e 30 mila metri quadri di tappeti erbosi. E gli impianti d’irrigazione utilizzano esclusivamente acque di falde superficiali. Le fontane sono tutte a ricircolo d’acqua e l’acqua dei periodici svuotamenti delle fontane e dei laghetti del quartiere viene trattata e riutilizzata per l’irrigazione delle aree verdi, mentre nelle toilettes del quartiere i gettiti d’acqua sono a pressione controllata. Due interventi, questi ultimi, per cui si calcola un risparmio di 23 milioni di litri d’acqua all’anno.

 

la "banca del ghiaccio"

la nuova caldaia a risparmio energetico a Rimini Fiera

Sull’intero quartiere e sulle aree esterne sono presenti numerose isole ecologiche per permettere ai visitatori la differenziazione dei rifiuti prodotti. Infine il quartiere è raggiungibile in treno grazie alla stazione ferroviaria di linea posta sull’ingresso sud che alleggerisce l’impatto del traffico sull’ambiente.

 

 

Sul fronte dell’attività, Rimini Fiera organizza Ecomondo, manifestazione leader sulla sostenibilità ambientale; RI3, sullo smaltimento dei “rifiuti informatici” e Key energy sulle energie da fonti rinnovabili. Rimini Fiera inoltre sostiene il corso di laurea dell’Università di Bologna (polo di Rimini) in Chimica e tecnologie per l’ambiente e per i materialicurriculum “Ambiente, energia, rifiuti”, insieme a tutte le attività integrate.

 

Articoli correlati