Input your search keywords and press Enter.

“Il mondo che ti piace. Con il clima che ti piace”

La commissaria europea responsabile dell'Azione per il clima Connie Hedegaard

La stazione centrale di Stoccolma converte il calore corporeo dei pendolari e lo utilizza per riscaldare uffici situati nelle vicinanze, non solo riducendo le emissioni ma generando anche risparmi del 20-25% sulla bolletta energetica dell’immobile. Una scuola danese riesce a risparmiare 30 mila euro all’anno sulla bolletta energetica grazie all’energia solare. Le risorse così risparmiate sono investite nell’istruzione. In Belgio, Panier Malin ha avviato un innovativo market online per collegare direttamente gli agricoltori ai consumatori i quali non devono più spostarsi in auto per fare gli acquisti, riducendo così la loro impronta ecologica. Si tratta di soluzioni intelligenti e vantaggiose per tutti, nelle quali il risparmio di denaro, va di pari passo con quello di tempo ed emissioni, e che sono state messe al centro della campagna di comunicazione lanciata dalla commissaria europea responsabile dell’Azione per il clima Connie Hedegaard lo scorso 8 ottobre a Londra.

La campagna dal titolo “Il mondo che ti piace. Con il clima che ti piace” intende focalizzare il dibattito sui cambiamenti climatici su soluzioni pratiche e dimostrare che l’azione per il clima può aumentare il benessere dei cittadini europei e portar loro vantaggi economici. Alla cerimonia di apertura i partner e i cittadini sono scesi in campo e insieme al ministro britannico per l’energia e i cambiamenti climatici Ed Daveyhanno avviato il dibattito.

La campagna di sensibilizzazione avviata dall'UE vuole dimostrare che l'azione per il clima può aumentare il benessere dei cittadini europei e portar loro vantaggi economici

  La campagna è incentrata su un sito internet disponibile nelle 23 lingue dell’UE, attraverso il quale i singoli cittadini, le imprese e i gruppi locali potranno caricare, promuovere e discutere le loro soluzioni a basse emissioni di carbonio, partecipando così a un concorso paneuropeo per trovare le soluzioni migliori e più originali. saranno anche attive una pagina Facebook e sarà possibile postare i propri contributi anche su Twitter.  Più di 70 organizzazioni hanno già confermato la loro partecipazione, comprese associazioni imprenditoriali, università, organizzazioni non governative e istituzioni pubbliche condividendo gli obiettivi della campagna, che “girerà” anche in altri Stati membri dell’UE, come Bulgaria, Italia, Polonia e Portogallo, nel biennio 2012-2013.

La campagna proseguirà fino alla fine del 2013e mira a valorizzare soluzioni concrete per il conseguimento dell’obiettivo dell’UE di una riduzione delle emissioni di gas a effetto serra dell’80-95% entro il 2050.

La campagna "Il mondo che ti piace. Con il clima che ti piace" ha un suo sito internet nelle 23 lingue dell'UE

Essa si iscrive nel solco della “tabella di marcia verso un’economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050”, presentata dalla Commissione nel marzo 2011 dalla quale si evince che lo sviluppo di un’ economia a basse emissioni di carbonio richiederà maggiori investimenti in tecnologie pulite e infrastrutture. Entro il 2020 l’UE mira a raggiungere l’obiettivo 20-20-20 (ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, migliorare l’efficienza energetica del 20% e aumentare la quota di energie rinnovabili del 20%); attualmente le emissioni dell’UE sono inferiori ai livelli del 1990 di oltre il 17%.

Connie Hedegaard definisce con queste parole la mission della campagna: «La scelta sta a noi: possiamo AGIRE sulla base delle conoscenze che già sono a nostra disposizione in materia di cambiamenti climatici. Oppure possiamo restare a guardare senza muovere un dito, mentre le cose peggiorano. Entrambe le opzioni hanno un costo. Quindi perché non scegliere di creare il mondo che ci piace, con il clima che ci piace — mentre siamo ancora in tempo? Con questa campagna vogliamo porre al centro del dibattito delle soluzioni concrete e scoprire cosa ci impedisce di metterle in opera».

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *