“Il Futuro si fa Strada”. Mobilità sicura con il programma Michelin

La mobilità, oggi, va vissuta in modo intelligente, responsabile e proiettata al futuro

Viviamo nell’era della tecnologia e della comunicazione e mai come oggi il viaggio è diventato una consuetudine e quello della mobilità un concetto di primaria importanza su cui riflettere. Grazie alla rete di strade e alla disponibilità di mezzi di trasporto pubblici e privati, crescono le possibilità di movimento ma, contemporaneamente, cresce anche il bisogno di sicurezza, per le persone e per l’ambiente.

La mobilità, oggi, va vissuta in modo intelligente, responsabile e proiettata al futuro. Per questo motivo Michelin, ha ideato un programma completo di risorse didattiche da offrire alle scuole per supportare gli insegnanti nella formazione di cittadini. Si chiama “Il Futuro si fa Strada”, il progetto ludico-didattico di educazione alla mobilità che la casa di pneumatici francese Michelin offre a insegnanti, studenti e famiglie delle scuole elementari e medie italiane. In Puglia sono 115 le scuole che hanno aderito all’iniziativa.

1.800 classi riceveranno gratuitamente altrettanti kit didattici con una guida per il docente, ricca di spunti multidisciplinari, un magazine interattivo dedicato a studenti e famiglie e materiali per tutta la classe tra cui le carte Michelin dell’Italia e dei Paesi Europei. Il tema del viaggio guida ragazzi, insegnanti e famiglie attraverso un percorso ludico-educativo che esplora la mobilità secondo diversi ambiti di interesse didattico: la tecnologia, la geografia, l’economia, la scienza, la cittadinanza, opportunamente declinati secondo la fascia d’età a cui si rivolgono.

Il kit didattico Michelin

Nel loro percorso i giovani studenti sono accompagnati da viaggiatori speciali, personaggi famosi, realmente vissuti o immaginati dalla fantasia di scrittori. Ippocrate, Darwin, Marco Polo, Cristoforo Colombo, Carlo Linneo e molti altri aiuteranno le classi a esplorare il tema della mobilità, approfondendone di volta in volta un aspetto differente: dalle nuove tecnologie al turismo responsabile, dalla sostenibilità agli scambi commerciali, senza mai dimenticare la sicurezza stradale. Il traguardo del divertente concorso educativo “Il mio viaggio è una bella storia”, invita i ragazzi a raccontare un’esperienza di viaggio da un punto di vista diverso dal solito: mescolando realtà e fantasia, tecnologia e manualità, le classi sono chiamate a narrare il loro viaggio straordinario in compagnia di uno dei viaggiatori speciali.

Si possono presentare elaborati sotto qualsiasi forma – dal plastico al fumetto, dal disegno al power point – per aggiudicarsi il primo premio del concorso: una biblioteca di testi sul tema del viaggio del valore di 1.000 euro e un contributo ai viaggi di istruzione o uscite didattiche del valore di 800 euro. Un supporto per lo svolgimento dei propri lavori, i ragazzi lo scoprono sul sito de “Il futuro si fa strada”, dove le classi potranno trovare news, video, giochi e attività da svolgere a scuola o a casa.

 

Articoli correlati