Input your search keywords and press Enter.

Il Festival dell’Energia approda a EXPO2015

Il Festival dell’Energia ritorna quest’anno tra gli eventi di ExpoinCittà, il palinsesto voluto dal Comune di Milano per identificare le iniziative più interessanti e coerenti con lo spirito di EXPO2015. Sostenibilità, innovazione, cultura e sviluppo le chiavi di narrazione di un mercato energetico in crescita ma che ancora non riesce ad accostare del tutto la tutela dell’ambiente e il diritto alla modernità.

«Crediamo che la misura del successo di EXPO2015 – sottolinea Alessandro Beulcke, Presidente di Aris (Agenzia di Ricerche Informazione e Società) – stia nella capacità collettiva di aggregare, attorno a questo grande evento, contenuti di qualità e iniziative di interesse condiviso. In questo senso, siamo felici di rinnovare la nostra presenza a Milano, mettendo a disposizione la capacità del Festival dell’Energia di catalizzare leadership e pensiero innovativo attorno alle grandi sfide dell’energia».

Le diverse implicazioni che sottendono al concept “Energia per il Pianeta Terra” – scelto per questa VIII edizione del Festival dell’Energia, in programma a Milano dal 28 al 30 maggio, – saranno affrontate in una serrata tre-giorni di incontri, tavole rotonde, talk show e laboratori. Le imprese, le istituzioni, i media, le associazioni e la ricerca saranno protagonisti del Festival, che anche quest’anno metterà in scena il racconto delle trasformazioni in atto nel mercato dell’energia, come metafora di un Paese che cambia. E che cerca di comprendere il cambiamento per governarlo.

L’inaugurazione del Festival si terrà giovedì 28 maggio, presso Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, a sottolineare la collaborazione con la città. A tagliare il nastro il ministro Federica Guidi, il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, il sindaco Giuliano Pisapia, il presidente dell’AEEGSI Guido Bortoni e il presidente di Assoelettrica Chicco Testa.

Buone pratiche di dialogo tra imprese e territorio, liberalizzazione del mercato elettrico, innovazione urbana e tecnologica, efficienza energetica e crescita infrastrutturale delle economie emergenti, sono gli argomenti che saranno approfonditi nel corso della seconda giornata. Manager di eccellenza come Marta Dassù (Aspen Institute) e Catia Tomasetti (Presidente ACEA), affronteranno, invece, il tema della presenza delle donne nelle aziende energetiche, anche alla luce delle recenti nomine pubbliche.

La terza e ultima giornata della rassegna sarà dedicata alle famiglie e al grande pubblico, con le visite al Museo della Casa dell’Energia e ai nuovissimi laboratori del Politecnico di Milano. Ai giornalisti iscritti all’Ordine sarà, invece, riservato uno speciale corso di formazione sul ruolo dei media nella dialettica imprese-cittadini, la cui irriducibile contrapposizione si frappone spesso alla realizzazione di opere infrastrutturali nel nostro Paese.

Promosso da Aris (Agenzia di Ricerche Informazione e Società) in partnership con Anigas, Assoelettrica e assoRinnovabili, il Festival dell’Energia è realizzato con il patrocinio di Commissione Europea, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero dell’Ambiente, Regione Lombardia, Comune di Milano, EXPO 2015 e Acquirente Unico. Alla collaborazione con Politecnico di Milano si aggiunge, quest’anno, quella con Edison e la Fondazione AEM.

Il Festival dell’Energia è il risultato dell’impegno progettuale e del sostegno dei maggiori player del settore energetico e industriale. Nello specifico: Gigawatt Sponsor: A2A, Acea, ERG, Falck Renewables; Megawatt Sponsor: BIP, Errenergia, Infrastrutture Trasporto Gas, ITW LKW Geotermia Italia, Metaenergia, Sorgenia, TAP.

Il Festival dell’Energia è un evento aperto al pubblico. Nelle edizioni precedenti ha registrato oltre 75.000 presenze (tra manager, rappresentanti istituzionali e politici, giornalisti e grande pubblico), circa 500 relatori e oltre mezzo milione di contatti su web, TV e radio.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.festivaldellenergia.it e sui profili social dell’evento.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *