Input your search keywords and press Enter.

Idrocarburi, una proposta di legge

I Circoli dell’Ambiente ed i Parlamentari firmatari presenteranno una proposta di legge sugli idrocarburi. Lo faranno il prossimo 11 maggio presso la Sala delle Conferenze Stampa della Camera dei Deputati a partire dalle ore 11:00. La proposta di legge rappresenta una prima risposta al referendum No-triv dello scorso 17 aprile, referendum a cui proposito il Circoli dell’Ambirnte si erano esprtessi per iol no.

«Durante l’intera campagna referendaria abbiamo dichiarato più e più volte che la norma sottoposta al voto popolare era scritta male, pertanto non andava cancellata, ma modificata: se il Governo lo avesse fatto in tempo, avremmo risparmiato tanti soldi dei contribuenti spesi per un referendum inutile. L’unico dato positivo è che gli Italiani hanno acquisito maggiore consapevolezza in materia di politica energetica ed hanno bocciato definitivamente l’Ambientalismo dei “NO a prescindere”. Ciò non toglie che oltre dieci milioni di persone si sono recate alle urne per dire che quel testo normativo, così com’è, non piace e noi vogliamo chiedere anche a loro di sostenere la nostra iniziativa ». Sono le parole di Alfonso Fimiani, Presidente dei Circoli dell’Ambiente, che continua: « Dopo aver indicato i principi da seguire, di fronte all’inerzia degli interlocutori istituzionali, abbiamo deciso di scrivere una sintetica proposta di legge che serva a reintrodurre espressamente le procedure per le proroghe alle concessioni di ricerca e coltivazione di idrocarburi previste dalla Legge 9 del 1991 e siamo felici che Parlamentari sensibili alla tematica abbiano deciso di sposarla e farla propria, consentendoci di presentarla ed illustrarla alla Camera dei Deputati. Abbiamo inoltre chiesto di abolire il comma 3 dell’articolo 19 D.Lgs. 625 del 1996, che istituisce una franchigia sull’aliquota: credo sia una battaglia condivisa da tutto il fronte ambientalista e spero che altri vorranno condividerla ».Verrà inoltre lanciato un appello al Parlamento per riorganizzare la normativa in un Testo Unico in materia di idrocarburi.

Questo il testo della proposta di legge.

Art. 1 – All’art. 6 comma 17 D.Lgs. 152 del 3/04/2006, dopo le parole <I titoli abilitativi già rilasciati sono fatti salvi per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale> sono inserite le parole <, nel rispetto delle procedure e con le medesime modalità dettate dall’art. 9 della legge n. 9 del 9 gennaio 1991 utili ad ottenere le eventuali proroghe>.

Art. 2 – E’ abolito il comma 3 dell’art. 19 del Decreto Legislativo n. 625 del 25 novembre 1996

(Testo dell’art. 19 comma 3 D.Lgs. 625/96: “Per ciascuna concessione sono esenti dal pagamento dell’aliquota, al netto delle produzioni di cui al comma 2, i primi 20 milioni di Smc di gas e 20000 tonnellate di olio prodotti annualmente in terraferma, e i primi 50 milioni di Smc di gas e 50000 tonnellate di olio prodotti annualmente in mare”).

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *