Input your search keywords and press Enter.

I giovani ed il turismo sostenibile nel Mediterraneo

Sono partite le attività del Live Your Tour, il Campo Internazionale di Volontariato per giovani organizzato dal Consorzio di Gestione di Torre Guaceto. Il Campo coinvolge 10 giovani provenienti da Italia, Spagna, Libano, Tunisia e terminerà il prossimo 30 settembre.

I partecipanti vivranno un’esperienza particolare, a diretto contatto con i curatori delle offerte turistiche. Il programma prevede trekking, ciclotrekking e passeggiate a cavallo lungo i tratturi delle masserie; workshop di archeologia sperimentale, condotti da ricercatori dell’Università del Salento; open days notturni nel Parco Archeologico di Egnazia; pranzi in agriturismo con i gestori delle aree protette e gli amministratori dei nuovi sistemi di ospitalità diffusa.

Live Your Tour propone un turismo rispettoso del territorio, della storia dei propri luoghi e della gente che li abita. L’obiettivo è migliore la coesione territoriale, attraverso la diversificazione delle esperienze offerte (turismo sportivo, rurale, culturale e ambientale), affrontando le tematiche di accessibilità e connettività nel Bacino del Mediterraneo.

L’organizzazione del Campo è finanziata dall’Unione Europea, nell’ambito del Programma ENPI CBCMED. Quello di Torre Guaceto è solo il primo dei campi internazionali dell’ENPI: i successivi si svolgeranno negli altri paesi dei progetto, coinvolgendo nuove idee, nuovi ragazzi e proseguendo con l’ambizioso disegno di sviluppo turistico.

Leader Partner del progetto è l’ONG Ricerca e Cooperazione. Oltre a Torre Guaceto, collaborano al progetto il Parco Regionale delle Dune Costiere e la Provincia di Lecce (per l’Italia), il Fondo Andaluso dei Municipi per la Solidarietà Internazionale (per la Spagna), l’Associazione Tunisina per la gestione e la stabilità sociale (per la Tunisia) ed il Programma per lo Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), l’unione dei Comuni della Regione del Baalbeck, la Federazione dei Comuni del Chouf Es Souayjani e l’Università Americana per la Cultura e l’Educazione.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *