Harley-Davidson. Quando la tecnologia diventa arte

Diminuire l’impatto ambientale e l’inquinamento che opprime le nostre città è diventata, ormai, una costante anche per quanti desiderano acquistare mezzi di trasporto a zero emissioni. Dai piccoli scooter alle auto di utilizzo quotidiano, sono sempre più numerosi gli utenti che scelgono il mezzo a motore elettrico, a due o quattro ruote, per la circolare sulle strade urbane, per non parlare delle auto da corsa che dal prossimo autunno vedranno sulle piste l’esordio della Formula E, cioè la F1 con motore elettrico.

La Harley-Davidson elettrica Project LiveWire,

Anche Harley-Davidson, la grande casa motociclistica americana, ha posto la propria attenzione all’ambiente e, bruciando sul tempo tutte le altre case concorrenti, ha messo sulla strada il suo primo modello di motocicletta elettrica.

Stiamo parlando del Project LiveWire, prototipo sperimentale, realizzato dalla Motor Company di Milwaukee. «Il Project LiveWire è una pietra miliare nella storia della Motor Company. La prima Harley-Davidson® con un motore elettrico – fa sapere la Casa americana -. Stiamo sviluppando questa motocicletta come facciamo in Harley-Davidson, portando la novità sulla strada – negli Stati Uniti quest’anno e l’anno prossimo in Canada e in Europa – per conoscere il parere dei clienti. Inviteremo dei clienti a guidare la motocicletta e farci sapere cosa ne pensano. Anche coloro che non hanno la patente potranno provare la moto grazie a Jumpstart».

La moto è studiata per essere bella con il pilota.

La moto è studiata per essere bella con il pilota. Il design del telaio permette al motociclista di essere perfettamente inserito nella moto e diventare tutt’uno con lei.  Il motore – longitudinale – del Project LiveWire è ispirato a quelli super charged dei dragster. Le sue proporzioni, compreso l’aggressiva inclinazione della forcella e il codino minimalista ricordano il classico stile racing di Harley-Davidson.

L’estetica della moto ricorda molto, per gli appassionati di H-D, la V-Rod. Il motore è elettrico trifase a induzione di 55 kW che sviluppa circa 75 CV, cui è abbinata una coppia di 70 Nm. La batteria ha una capacità di 7 kWh. In accelerazione la moto raggiunge i 100 km/h in 4 secondi. Le luci e la strumentazione aggiungono un look futuristico.

Le luci e la strumentazione aggiungono alla Project LiveWire un look futuristico

Alla domanda, di rito, in che cosa si differenzia la Project LiveWire dalle altre motociclette elettriche, Milwaukee ha risposto che «per prima cosa: Project LiveWire è una Harley-Davidson®, una pura espressione di individualità e stile iconico, che però è elettrica. Pensa a una chitarra elettrica, non a un’automobile elettrica. È costruita come un’autentica Harley-Davidson, dal motore montato longitudinalmente, al look, all’accelerazione fulminea, la frenata reattiva, costruita con dimensione che sono perfette per l’uso cittadino».

Una buona notizia, inoltre, per quanti sono amanti delle motociclette e che «condividano lo spirito pionieristico dei quattro fondatori che crearono questa azienda più di un secolo fa, mettendo un motore su un telaio di bicicletta». Harley-Davidson, infatti, sta cercando ingegneri EV che «vogliano essere parte di questo viaggio e sei appassionato di motociclette, vorremmo parlare con te della possibilità di diventare parte del nostro team. Clicca sul link Harley-Davidson Electrical Engineer Jobs per vedere le opportunità che abbiamo disponibili».

Ah, il suono del motore? Ascoltatelo e giudicate. Al sottoscritto entusiasma.

Articoli correlati