Gomma riciclata anche per cavallo e cavaliere

Grandi benefici dagli innovativi campi di gara Tyrefield realizzati con gomma riciclata dai Pneumatici Fuori Uso (PFU).  A Fieracavalli 2019 oltre 80.000 kg di gomma riciclata grazie ad Ecopneus

Studi scientifici e test sul campo hanno dimostrato come l’utilizzo delle superfici per l’equitazione in gomma riciclata, ecosostenibili e di nuovissima generazione, presentino notevoli vantaggi: proteggono le articolazioni del cavallo, riducono drasticamente la dispersione di polveri nell’aria rispetto i tradizionali campi in sabbia, sono drenanti, hanno una manutenzione dai costi ridottissimi e una forte valenza antishock, che le rende adatte anche per la tutela dei cavalieri.

Per questo, tra i protagonisti della edizione 2019 di Fieracavalli a Verona (quella 2020 è ancora in evoluzione a causa della pandemia da Covid-19), i campi per l’equitazione Tyrefield, ossia realizzati con gomma riciclata, si sono confermati una soluzione innovativa in grado di coniugare sport, sostenibilità ambientale e benessere di cavallo e cavaliere. I campi di FieraCavalli sono stati realizzati grazie ad Ecopneus, società senza scopo di lucro che gestisce raccolta e riciclo dei Pneumatici Fuori Uso in Italia, e UISP, l’Unione Italiana Sport Per tutti.

I campi Tyefield installati a Fieracavalli 2019 nei Padiglioni 2 e 7, con il contributo di Promix e Italgreen, sono stati infatti realizzati secondo i parametri individuati da una ricerca condotta da Uliano Vezzani, Chef de Piste Internazionale in collaborazione con Fabrizio Forsoni, Cavaliere e responsabile SDA Nazionale Equitazione UISP, al fine di realizzare dei campi per l’equitazione ottimali per lo svolgimento delle diverse discipline. La gomma riciclata è stata utilizzata anche per tutti i camminamenti tra le varie aree dedicate ai cavalli, grazie all’azienda Ecoplus.

I risultati dei test confermano i benefici connessi all’utilizzo dei campi Tyrefield.

Il campo del Padiglione 2, risultato della collaborazione tra Ecopneus, UISP e il Dipartimento di Veterinaria dell’Università di Perugia, è stato realizzato con supporto tecnico di Promix grazie a 45.000 kg di gomma riciclata dai PFU. La specifica composizione del fondo, testata da amazzoni di livello nazionale con cavalli esperti in dressage, è risultata idonea per lo svolgimento di moltissime attività: dalle andature in piano al dressage, dal volteggio e scuola di equitazione – anche con persone con disabilitàfino alla riabilitazione di cavalli con traumi agli arti e posturali. Il campo è composto infatti di un materassino di gomma su cui sono state posate delle piastre in gomma riciclata. Sopra le piastre un manto di erba sintetica intasato con sabbia incapsulata e gomma nobilitata garantisce al cavallo un appoggio morbido e confortevole.

Il campo del Padiglione 7, sul quale si sono preparati i migliori campioni della Coppa del Mondo Longines FEI Jumping World CupTM, aveva una composizione appositamente studiata per il salto ad ostacoli testata dal Cavaliere internazionale Giovanni Lucchetti con cavalli idonei e prove con salti di cm 130 in allenamento. Dai test è emersa una grande serenità del cavallo su questa tipologia di fondo: risulta ottimo per il lavoro di rilassamento, ha un buon assorbimento dell’urto da impatto alle tre andature, è caratterizzato da un’eccellente tenuta delle girate strette e nell’assorbimento dell’urto in ricezione e consente un buono slancio nello stacco. Per la sua realizzazione a Fieracavalli le aziende Promix e Italgreen hanno utilizzato 43.000 kg di gomma riciclata. A differenza dell’altro campo, qui lo strato superiore finale è una miscela di polverino nobilitato in gomma riciclata e granuli di cocco. Una soluzione progettata e realizzata per rispondere al meglio alle esigenze e alle performance richieste ai cavalli durante le gare di salto ad ostacoli.

Articoli correlati