Goletta Verde 2020 in Puglia dal 3 al 7 agosto

goletta verde
Goletta verde 2020 fa tappa in Puglia del 3 al 7 agosto

La campagna estiva di Legambiente in una formula inedita e all’insegna di citizen science, partecipazione e territorialità in difesa delle coste italiane. I cittadini protagonisti dell’iniziativa

 Fa tappa in Puglia in questi giorni Goletta Verde 2020, la campagna estiva di Legambiente in difesa delle acque e delle coste italiane. Quest’anno però non ci sarà il classico itinerario coast to coast a bordo dell’imbarcazione, nel rispetto delle restrizioni anti-Covid imposte dalla pandemia.

Alla sua 34esima edizione, Goletta Verde viaggia lungo la Penisola in una formula inedita, che punta ugualmente a mantenere alta la guardia sulla qualità delle acque e sugli abusi che minacciano i litorali. Abusivismo edilizio, cattiva depurazione, beach litter e usa e getta, erosione costiera, biodiversità e aree protette, lotta contro le fonti fossili i grandi temi al centro della campagna,in Puglia fino al 7 agosto. Dal Gargano al Salento, nei giorni scorsi un team di tecnici e volontari di Legambiente hanno effettuato i campionamenti delle acque per monitorarne lo stato di salute, analizzati da laboratori certificati sul territorio e individuati dall’ufficio scientifico dell’associazione. Citizen science e territorialità le parole chiave che muovono centinaia di volontari, con l’obiettivo di scovare situazioni critiche di inquinamento legate alla cattiva depurazione dei reflui.

Goletta verde, nuova formula per un identico impegno

«Il Covid19 ha stravolto buona parte delle iniziative che erano in programma quest’anno a tutela delle nostre coste – ha detto Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – tuttavia non mancano all’appello attività di monitoraggio delle acque e di sensibilizzazione dei bagnanti, realizzate lì dove consentito e nel rispetto delle restrizioni. A fine tappa presenteremo i risultati di un monitoraggio realizzato ad ampio raggio sui litorali, per fare il punto sulla depurazione e su eventuali criticità nei mari interessati dalle foci di fiumi e canali. I riflettori saranno puntati inoltre sull’abbandono di guanti e mascherine che da mesi affigge l’ambiente e sulla necessità di dire stop all’erosione costiera. Anche quest’anno, buon vento a Goletta Verde».

Dopo l’appuntamento iniziale del 3 agosto a Monopoli, la tappa del 4 agosto è al Parco naturale regionale di Punta Pizzo. Sulla spiaggia Li Foggi è in programma un eco-party con Nemo Mangiaplastica,per sensibilizzare cittadini e bagnati sul corretto smaltimento dei rifiuti e sulla tutela dell’ecosistema dunale. Mercoledì 5 agosto sarà la volta di Barletta con il flash mob“Usa e Getta? No, Grazie?” e con l’incontro “Insieme per il Fratino – La conservazione delle dune costiere: strategia di protezione degli habitat del piccolo trampoliere” (l’elenco degli ospiti è nel programma).

Giovedì 6 agosto a Trani, spiaggia di Boccadoro, si terrà il flash mob “No Erosione Costiera – Sì Libero accesso delle spiagge”, seguito da un’attività di pulizia della costa Nord dell’area nell’ambito del progetto “Mare d’inverno”promosso dal CSV San Nicola con il concorso #GiovanIdee. Legambiente Trani coinvolgerà i cittadini partendo dai giovani e dalle scuole, per il recupero di un’area naturalistica abbandonata e vandalizzata, deturpata ormai da anni da continui scarichi industriali. La tappa pugliese si concluderà venerdì 7 agosto a Bari con la conferenza stampa di presentazione dei dati sulla depurazione in Puglia, alla presenza di Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, Giovanni Giannini, assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità della Regione Puglia, Vito Colucci, direttore generale di Autorità Idrica Pugliese, Vito Bruno, direttore generale di Arpa Puglia e del Contrammiraglio Giuseppe Meli, direttore marittimo della Puglia e della Basilicata ionica.

Cittadini protagonisti

Anche quest’anno sarà fondamentale il contributo dei cittadini cui è dedicato lo slogan dell’edizione 2020 Quest’anno la Goletta più importante sei tu. Tramite il form di SOS Goletta sarà possibile segnalare a Legambiente situazioni sospette di inquinamento di mare, laghi e fiumi per consentire all’associazione e ai suoi centri di azione giuridica di valutare la denuncia alle autorità.

I cittadini saranno protagonisti anche grazie a #GolettaChallenge, la sfida social con cui Legambiente invita a ripulire dai rifiuti un piccolo tratto di spiaggia condividendone la foto sui social, sfidando tre o più amici a replicare l’azione in altri litorali. Per aderire è sufficiente taggare Legambiente e inserire #GolettaChallenge nel post, contribuendo a una catena di buone azioni in difesa dei mari.

Il programma

 

 

Articoli correlati