Giornata mondiale della Terra, non solo celebrazioni

earth day

Le iniziative e l’impegno delle per la salvaguardia ambientale. Un vademecum per i viaggiatori “moderni” e un insolito alveare a Milano per monitorare i livelli di inquinamento

Istituita nel 1970, e celebrata ogni anno il 22 aprile, la giornata dedicata alla Terra aveva l’obiettivo di celebrare la vita e la bellezza di questo pianeta promuovendo la pace. Quest’anno assume un valore tutto speciale.
Una pandemia con numeri così alti di ricoverati e di morti non se la sarebbero immaginata neppure i registi dalla fantasia più spinta. Eppure, siamo a 13 mesi dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Con un’arma in più: i vaccini. Qualcuno agli inizi di questo nuovo capitolo di storia dell’umanità aveva parlato di “natura matrigna”, come se il coronavirus fosse diretta conseguenza della globalizzazione. Che sia un prezzo da pagare o no, non spetta a noi dirlo. Quel che è certo, è che forse oggi più che mai sentiamo il bisogno di essere stretti in una sorta di abbraccio materno, che la natura è in grado di dare. In quest’anno in cui gli abbracci ci sono stati vietati per scongiurare il rischio di contagiarci.

Per questo, quest’anno in piena crisi climatica e sanitaria, la Giornata della Terra acquista un  significato di fondamentale importanza. Siamo di fronte ad una sfida senza precedenti. E un importante contributo per la celebrazione di questo “evento green”, come viene definito, arriva sicuramente dai geologi.

I geologi per la Terra

evento L’università di Bari e il dipartimento Scienze della Terra e Geoambientali, con il liceo “Leonardo Da Vinci” di Bisceglie (Bat) hanno organizzato l'”International Mother Day al liceo Da Vinci“. L’evento sarà trasmesso dalle 10 del 22 aprile su facebook (questo è il link). Geologi, rappresentanti della politica, insegnanti e studenti si confronteranno sui temi che riguardano i nostri territori come la pericolosità e la vulnerabilità costiera in Puglia e cosa significa vivere in un Pianeta dinamico.

Aziende “amiche” dell’ambiente

Il 22 aprile è anche l’occasione per molte aziende presenti su tutto il territorio nazionale di rinnovare il proprio impegno a favore della sostenibilità ambientale.
È il caso della Barilla, leader nel mercato globale della pasta, che propone un progetto per la valorizzazione della filiera agro-alimentare italiana. L’Harvard Business Review, infatti, ha dedicato all’azienda e al progetto della nuova pasta Grano Duro 100% italiano “Nata sotto il cielo d’Italia” la copertina dell’intero mese di aprile. L’obiettivo – scrive la rivista – era aumentare la qualità del prodotto, riducendo al contempo gli acquisti di grano duro dall’estero e gli impatti ambientali. Il tutto creando valore per sé e per tutta la filiera. A distanza di qualche decennio si può dire che l’azienda sia riuscita nel suo intento”.

Da una azienda a un’altra, questa volta leader nel settore nella produzione di pentole a pressione e pentolame in acciaio inossidabile. Si tratta di Lagostina che lancia un appello al riciclo e un vademecum per il giusto smaltimento dei principali strumenti da cucina con la nuova linea “Rigenera Green”.
Quanti di voi sanno che pentole e padelle si possono riciclare? Non solo si possono, ma si devono riciclare, recuperando così preziose materie prime. Obiettivo: salvaguardare l’ambiente. Inoltre l’alluminio e l’acciaio sono riciclabili al 100% e all’infinito, mantenendo inalterate le loro caratteristiche originali, in ognuna delle sue innumerevoli trasformazioni, da prodotto a prodotto. Basti pensare che il 75% dell’alluminio da sempre prodotto nella storia è tuttora in circolo. Quindi, tramite il loro corretto smaltimento è possibile:
– Recuperare materiale prezioso utilizzabile per produrre nuovi oggetti;
– Risparmiare fino 95% dell’energia necessaria alla produzione di materiale primario, come nuovo alluminio;
– Ridurre le emissioni di gas serra;
– Ridurre le attività estrattive.

Vocabolario dei viaggiatori moderni

La voglia di tornare a viaggiare è tanta e quando finalmente si potrà ricominciare a farlo sarà bene tenere a mente l’impatto che ogni azione ha sull’ambiente, facendo scelte consapevoli anche quando si tratta di viaggiare. In occasione della Giornata della Terra, Trainline, l’app più utilizzata da chi viaggia in treno e pullman in Europa, ha selezionato alcuni dei termini da conoscere per rimanere al passo con i nuovi trend del turismo sostenibile. Eccoli.

Tagskryt: parola svedese che indica “l’orgoglio di prendere il treno” e intraprendere scelte sostenibili in merito ai mezzi di trasporto. Basti pensare che i trasporti rappresentano il 25% delle emissioni di gas serra nell’UE.

Flygskam: ancora un termine di origine svedese che significa “vergogna di prendere l’aereo”. Questo mezzo di trasporto è infatti responsabile di una parte delle emissioni globali di CO2 fossili. Il termine indica il sentimento simile alla vergogna che si prova quando si deve prendere l’aereo, per via dell’impatto ambientale di questo mezzo di trasporto.

Slow tourism (o i simili ecoturismo e eco-conscious): letteralmente “turismo lento”, cioè viaggiare scegliendo i percorsi meno battuti e i luoghi non per forza visitati da tutti.
L’ecoturismo implica anche un modo di viaggiare più responsabile verso l’ambiente: il cicloturismo ne è un esempio, una forma di turismo praticata in bicicletta con le varianti “treno e bici”, che permette di godersi a pieno la meta senza inquinare.

turismo-lento
Nell’ambito slow tourism i viaggiatori privilegiano alternative sostenibili, quali la barca, il treno o la bicicletta

Woofing: un’alternativa al campeggio tradizionale é proprio il woofing, il soggiorno in fattorie o aziende agricole, generalmente produttrici di prodotti biologici, in cambio di un supporto nelle attività quotidiane di queste realtà. Le varie esperienze prevedono anche di “sporcarsi le mani”, mungere le capre in montagna o curare un uliveto a picco sul mare, magari sfruttando l’occasione per evitare telefoni e computer.

Ecolodge: una volta arrivati a destinazione la scelta dell’alloggio può rivelarsi critica, soprattutto considerando che, tra i momenti della vacanza che hanno un impatto significativo sull’ambiente, è compreso anche il soggiorno. Sono sempre di più le strutture attente a questo aspetto e che supportano gli ospiti nel minimizzare l’impatto ambientale della propria vacanza, anche attraverso piccole azioni come incoraggiare gli ospiti a chiedere asciugamani puliti solo quando è necessario ed evitare gli articoli da toeletta monouso in plastica.

Glamping: dalla crasi dei termini inglesi “glamour” e “camping”, questa parola indica il campeggio (meno inquinante rispetto al soggiorno tradizionale) unito a servizi di prima qualità. Il glamping non è solo un ritorno alla natura, un numero crescente di turisti – in particolare provenienti dalle grandi città – cerca soluzioni “detox” per ridurre l’inquinamento non solo dell’ambiente, ma anche quello che caratterizza la propria quotidianità

Soft mobility: in italiano “mobilità dolce”. Comprende tutti i modi per spostarsi con le proprie forze per brevi tragitti (in bicicletta, a piedi, con i pattini, ecc.) e offre diversi vantaggi: fa risparmiare tempo, spesso denaro, e riduce l’impatto ambientale.

A Milano il più grande apiario urbano firmato Donna Moderna

Oltre 200 tonnellate di CO2 risparmiata per portare 1 milione di api a Milano: è il risultato della sfida che Donna Moderna ha raggiunto insieme alle sue lettrici nell’ambito del progetto #BeeGreen, l’iniziativa del magazine dedicata al tema della sostenibilità e della biodiversità urbana. Su questa linea si inserisce il progetto, in collaborazione con Green Island/Alveari Urbani, del più grande apiario urbano in Italia all’interno del parco di Cascina Merlata.

A cosa serve reintrodurre le api nei contesti urbani? Forse pochi sanno che le api funzionano come strumento di monitoraggio dei livelli di inquinamento, quindi la loro presenza in città può fingere da indicatore della buona qualità dell’aria.

Tappa finale di questo progetto sarà l’inserimento dell’ultima famiglia di api nelle arnie di Cascina Merlata. Appuntamento il 22 aprile alle 10,30.

Articoli correlati