Input your search keywords and press Enter.

Giornata della Terra. A Bari si parla di cambiamenti climatici

Le celebrazioni per la Giornata della Terra, che si tiene in tutto il mondo il 22 aprile, hanno un prologo di tutto rispetto il 20 aprile a Bari, con un convegno internazionale che si interesserà di cambiamenti climatici

CHANGE MENTALITY “Anthropogenic Global Effects ”  –  Gli obiettivi in AGENDA 2030 ONU per lo Sviluppo Sostenibile del Millennio , questo il titolo dell’incontro che rientra nelle manifestazioni che si svolgono in tutto il mondo per la Giornata della Terra. L’evento si terrà dalle ore 16,00 presso l’Autorità Portuale di Bari (Sala convegni, Terminal Crociere piano 2) nel Porto di Bari e si svolgerà in videoconferenza con le Università di Chicago e Washington.

giornata della terra Change mentality  è organizzata dal Club Unesco Bisceglie e dall’Associazione culturale Porta d’Oriente, entrambe realtà da sempre impegnate a sostenere incontri di in-formazione finalizzati a stimolare il pensiero critico e indurre il senso di collettività e responsabilità nei confronti del mondo in cui viviamo. Il coordinamento scientifico dell’evento è affidato all’Ordine dei geologi di Puglia. L’incontro tecnico-scientifico è finalizzato a favorire l’interazione tra Nazioni afferenti a Continenti diversi, a fornire l’occasione per una riflessione sul rilievo futuro del nostro territorio e far comprendere l’importanza delle Scienze della Terra per l’intero Pianeta.

LEGGI ANCHE: Cambiamento del clima e scienza: Guido Saracco

Giornata della Terra, ripartire dal climate change

Perché però celebrare la Giornata della Terra partendo dalla riflessione sui cambiamenti climatici? Dobbiamo ricordare che attualmente la temperatura aumenta ormai mediamente di circa 1,5/2.0 °C per 100anni: un continuo, impercettibile,  aumento che va sotto il nome di global warming,  riscaldamento globale. E’ perciò necessario  contrastare l’aumento della concentrazione della CO2 (che nel 2015 ha raggiunto 410 ppm) per mitigare e non superare l’aumento della temperatura stessa. Il riscaldamento globale incide sempre di più sugli equilibri complessivi della Terra; aumentano i fenomeni estremi, l’aspetto del pianeta si modifica, gli ecosistemi sono in piena crisi, le persone risentono di una temperatura ballerina.

«Siamo ormai ad un punto di non ritorno – spiega Cettina Fazio Bonina, presidente dell’Associazione Porta d’Oriente – che sta modificando la salute, l’economia, la società. Non vogliamo fare di quest’incontro  una celebrazione, ma offrire soluzioni concrete all’emergenza determinata dai cambiamenti climatici. Per questo proponiamo il confronto con gli esperti stranieri in collegamento videoconferenza dagli Stati Uniti. Vogliamo capire quali sono le vere emergenze e come oltreoceano ci si sta attrezzando per controllare eventi fino a pochi anni fa estremi come i tornado, e se questi  possono diventare un fenomeno mondiale».

Come comunicare la sostenibilità?

In effetti negli USA i controlli sulle polveri sottili, per esempio, sono molto più rigorosi che in Europa e in particolare in Italia. Ma non va dimenticata la quasi retromarcia di revisione sul protocollo di Kioto innestata dal presidente Trump a proposito degli interventi per arginare il climate change.

Il convegno vede, oltre alla partecipazione dagli Stati Uniti degli esperti Solidea Bonina e Troy Tronk, una articolata presenza di esperti italiani che faranno il punto sulla situazione con una particolare attenzione alla realtà pugliese. Scienza e innovazione al servizio della sostenibilità del mare, agricoltura sostenibile nel Mediterraneo, influsso dei cambiamenti climatici sull’aspetto delle coste, questi sono solo alcuni dei temi che verranno affrontati.

Si parlerà anche di come comunicare la sostenibilità e i cambiamenti climatici senza minimizzare la portata dei fatti o al contrario esasperare i toni. Sarà la direttrice di Ambien&Ambienti Lucia Schinzano a parlarne.

LEGGI ANCHE: Effetti dei cambiamenti climatici e rischi per la salute

Il Club Unesco Bisceglie per l’ambiente

cambiamenti climatici

Il riscaldamento globale incide sempre di più sugli equilibri complessivi della Terra

Il Club Unesco dalla sua nascita nove anni fa, ha sempre guardato con attenzione all’ambiente e alla valorizzazione del territorio, come testimoniano fra le tante iniziative di questi anni, l’impegno costante nella Valle del Mantaro (Ande centrali) e il riconoscimento del dolmen di Bisceglie come”Messaggero di pace Unesco”. «Con questo incontro vogliamo aprire scenari internazionali , come già è stato in altre occasioni, coinvolgendo soprattutto i giovani», spiega la presidente del Club Unesco Bisceglie Pina Catino, una vita da fotoreporter sempre attenta alle tematiche ambientali e ai diritti umani. «Per questo abbiamo dato al convegno il titolo “Change mentality”. Dobbiamo tutti cambiare l’atteggiamento mentale verso i cambiamenti climatici, favorendo lo scambio di conoscenze e buone pratiche».

Cosa è la Giornata della Terra

Earth day, la Giornata mondiale della Terra, è stata istituita dalle Nazioni Unite il 22 aprile del 1970. Una data simbolica, che coincide con un disastro ambientale scatenato dalla fuoriuscita di petrolio dal pozzo della Union Oi a Santa Barbara, in California. La prima edizione della Giornata della Terra coinvolse negli Stati Uniti 20 milioni di persone; nel 2000 l’evento diventò mondiale. Oggi coinvolge 175 paesi e oltre un miliardo di persone nel mondo e rappresenta un avvenimento educativo ed informativo per sensibilizzare la gente sul tema del rispetto del nostro Pianeta che, non dobbiamo dimenticarlo, è l’unico Pianeta che abbiamo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *