Input your search keywords and press Enter.

Giornalismo ambientale: chiave di un’utopia necessaria

Chiude dopo quattro giorni di lavoro Greenaccord, il Forum Internazionale per la Salvaguardia della Natura. Oltre centro giornalisti da quaranta paesi sono arrivati a Cuneo per dialogare sul tema Media, Democrazia e Sostenibilità, dando spazio nell’ultima sessione di lavoro alle “storie” dei giornalisti del Greenaccord Network. Da Haiti all’Ungheria, dall’Australia all’Argentina al Cameroon vengono riportate esperienze concrete di giornalismo ambientale, che hanno evidenziato come i giornalisti si sentano pronti a farsi carico del compito di informare il pubblico, dando la possibilità di prendere coscienza degli effetti globali delle decisioni politiche. E Andrea Masullo, presidente del comitato scientifico di Greenaccord, a conclusione del Forum osserva: «Non esiste più il mondo con meno di un miliardo di abitanti ed una quantità di risorse naturali e di potenzialità tecnologiche inesplorate al punto di poterle ritenere infinite, che ha dato origine all’attuale modello economico consumista. Oggi siamo 7 miliardi e le risorse su cui si fonda la nostra economia sono entrate in uno scenario di progressiva insufficienza, preludio dell’esaurimento». Per questi motivi giunge accorato l’appello a combattere la «cesura tra i governi e le popolazioni, e il divario, sempre in aumento, tra ricchezza e povertà». Entra qui in gioco «la capacità dei giornalisti di diffondere informazioni corrette alla cittadinanza: in questo sta la nostra forza, la chiave per realizzare la nostra utopia necessaria», ha concluso Masullo.

Print Friendly, PDF & Email