Giardini urbani: a Parigi proposta di legge per aumentare il verde pubblico

Una proposta di legge a Parigi incentiva tutti i cittadini a realizzare i propri giardini urbani.

I giardini urbani possono riqualificare ed abbellire gli spazi pubblici ed avere funzioni sociali. Ambient&Ambienti ha presentato due casi virtuosi in Puglia e fatto il quadro della situazione delle macchine per il giardinaggio e la cura del verde.

Giardini urbani, a Parigi c’è una proposta di legge per realizzarli

Lo sanno bene a Parigi, dove una proposta di legge incentiva tutti i cittadini a realizzare i propri giardini urbani. I neo giardinieri e piccoli agricoltori, quindi, potrebbero piantare e fare manutenzione organizzando spazi verdi in qualsiasi superficie della città: strade, aiuole, cortili, tetti e facciate verticali. L’obiettivo del sindaco parigino, Anne Hidalgo, è d’introdurre 100 ettari di spazio verde sul suolo urbano entro il 2020 seguendo le linee guida dell’amministrazione. I giardini urbani dovranno essere progettati in un’ottica di miglioramento estetico della città.

Le istituzioni parigine, se il provvedimento diventasse legge, forniranno un kit di prima implementazione dei giardini urbani a tutti gli abitanti che ne facciano richiesta. Secondo il progetto dell’amministrazione comunale, un terzo degli ettari dovrà essere dedicato ad agricoltura urbana con la creazione di orti urbani condivisi.

Le piante, inoltre, dovranno essere coltivate senza l’utilizzo di pesticidi promuovendo la biodiversità locale. Infatti, sarà richiesto ai residenti di firmare una vera e propria “Carta di vegetalizzazione urbana” con la quale s’impegnino a rispettare le piccole regole della manutenzione del verde contribuendo a fare di Parigi una delle città più fiorite del mondo.

Leggi anche “Orti urbani: esperienze di agricoltura condivisa

Giardini urbani, il “Giardino” è mediterraneo ad Andria

Il modello sostenibile parigino di giardini urbani sembra possa “attecchire” anche in Puglia. L’esperienza di riqualificazione dello spazio pubblico nata ad Andria si chiama “Giardino Mediterraneo”. L’area verde si trova nei pressi della villa comunale ed è stata recuperata e gestita dal Circolo Legambiente “Thomas Sankara” con la collaborazione del Settore Ambiente dell’amministrazione comunale. I cittadini possono conoscere i fenomeni naturali attraverso l’osservazione diretta dell’ambiente per apprezzarne la bellezza e comprendere il ruolo della natura nella vita dell’uomo e l’importanza di comportamenti eco-sostenibili. In particolare, si possono osservare campioni di roccia calcarea e calcarenitica tipica del territorio e confrontarli con rocce di genesi diversa, ad esempio vulcaniche. Inoltre, si possono scorgere i diversi aspetti che caratterizzano il clima e la vegetazione tipica della macchia mediterranea.

Giardini urbani, il caso “multitasking” di Cassano delle Murge

Un’area del Giardi Leo di Cassano delle Murge (Ba).

Il caso nato a Cassano delle Murge, invece, si chiama “Giardi Leo” ed è un vero e proprio spazio “multitasking”, esempio di sinergie del Circolo di Legambiente e Leo Club di Cassano delle Murge. L’area della piazza del centro murgiano è stata “adottata” dalle associazioni e riqualificata con una serie d’interventi di sostenibilità e vivibilità: pulitura dalle erbacce, potatura di siepi, creazione di arredi urbani con materiali riciclati. Ci sono, per esempio, due nuove installazioni eco-culturali: una panchina bianca realizzata con scarti in legno ed una little free library, geo-localizzata a livello mondiale sulle mappe online dell’organizzazione americana non profit, promotrice di questo movimento culturale con il codice assegnato #M71982. Si tratta casetta in legno, all’interno della quale vi è una libreria realizzata con materiale di riciclo per favorire la libera diffusione dei libri.

“Il progetto di promozione della letteratura con la realizzazione di mini-librerie da distribuire in diversi punti della città è nato da un’idea americana di Todd Bol. Si tratta – spiega Pasquale Molinari, presidente del Circolo di Legambiente di Cassano delle Murge – di uno spazio culturale, aggregazione e condivisione. Questo spazio, infatti, è “contenitore” di attività. Durante l’anno, per esempio, sono organizzate presentazioni di libri e creati laboratori di lettura per le varie festività.

Gaia Pompili è la nuova miss Comuni Fioriti

Il percorso virtuoso è anche “coronato” dalla nuova miss Comuni Fioriti, il concorso di bellezza promosso da Asproflor, l’associazione dei produttori florovivaisti. Si chiama Gaia Pompili, 16 anni, laziale. La giovanissima vincitrice è stata selezionata fra venti ragazze provenienti da ogni parte d’Italia, ad ognuna delle quali è stato abbinato un fiore per sottolineare l’anima ambientalista del concorso.

Il panorama del mercato delle macchine per il giardinaggio è in crescita

A questo punto non resta che mettersi a lavoro. Il 2018 si prospetta positivo per il mercato italiano delle macchine per il giardinaggio e la cura del verde. Secondi i dati sulle vendite nei primi nove mesi diffusi dall’associazione dei costruttori Comagarden al Salone EIMA Green, la crescita riguarderà i rasaerba (5,6%), i decespugliatori (9,5%), soffiatori/aspiratori (4,7%), tagliasiepi (10,2%)e piccoli trattori (3,7%).

Articoli correlati