A lezione dalla “Generazione Greta”: l’ambiente torna tra i banchi di scuola

Giornate FAI per le Scuole (Foto-Musacchio-Ianniello-Pasqualini)

E’ la generazione Greta. E allora dove, se non a scuola, si può insegnare ed educare alla sostenibilità ambientale? Istituti scolastici si affannano a organizzare eventi e iniziative per coinvolgere le nuove generazioni sui temi green

Non mancano iniziative legate alla musica, al teatro, ma anche e, soprattutto, riferite al gioco. L’educazione divertendosi, perché le lezioni sul rispetto dell’ambiente possono essere tutt’altro che noiose.

Lo sanno bene al Fondo per l’Ambiente Italiano che, sul modello delle Giornate FAI di Primavera e Autunno, propone nella settimana dal 22 al 27 novembre le Giornate FAI riservate alle scuole, giunte alla decima edizione.

Le Delegazioni di volontari FAI organizzeranno in tutte le regioni visite speciali riservate alle classi “Amiche FAI” e gestite interamente dagli Apprendisti Ciceroni, studenti appositamente formati dai volontari FAI che operano in un dialogo continuo con i docenti. Indossati i panni di narratori d’eccezione, gli Apprendisti Ciceroni accompagneranno le classi in visita alla scoperta di luoghi dal valore storico, artistico, naturalistico e comunque identitari, ovvero significativi per loro e per le loro comunità.

Un’esperienza formativa unica e originale, che è anche l’occasione per i ragazzi di valorizzare il proprio territorio, mettendosi al servizio della loro comunità. Tra i beni aperti in Puglia, a Bari il Kursaal Santalucia, a Conversano si va alla scoperta dei luoghi di Giuseppe Di Vagno, martire antifascista, mentre a Giovinazzo si visitano le storiche mura difensive. E ancora, a Lecce attenzione riservata al Complesso degli Agostiniani Scalzi, a Margherita di Savoia spazio al Torrione, a Brindisi la Chiesa di Santa Maria del Casale. Infine, a San Severo in visita a Castello e fossato della Regina, scuola De Amicis e Palazzo Celestini, chiudendo a Taranto con i Giardini dell’Ospedale Militare. Per informazioni sui beni aperti e per le prenotazioni delle visite: www.giornatefaiperlescuole.it

Il Gioca Jouer

Educare informalmente. Come fa E.ON che, rivisitando in chiave green il celebre brano musicale degli anni’80 “Gioca Jouer”, ha lanciato la nuova iniziativa di edutainment volta a insegnare agli adulti di domani, in maniera divertente, come piccole azioni quotidiane possano giocare un ruolo cruciale nel garantire un futuro migliore al nostro Pianeta. Il progetto rappresenta anche un valido strumento per gli insegnanti, per i quali E.ON ha messo a disposizione una formazione mirata sul cambiamento climatico, oltre che pillole informative e uno speciale gioco da tavolo con relative card, per replicare in classe, in maniera divertente e coinvolgente, i passi della sostenibilità.

ECO Jouer affronta le tematiche della sostenibilità a 360°: non solo buone pratiche e azioni green, ma anche comportamenti virtuosi e rispetto verso il prossimo per diffondere la cultura del consumo consapevole, verso il Pianeta, stimolando un’azione collettiva per un cambiamento concreto, passo dopo passo.

La guida a scuola

EuCliPa Italy, la community italiana degli ambasciatori per il Patto Europeo per il Clima, ha recentemente lanciato da Verona una raccolta fondi per #Nudgeforclimate, una guida rivolta a tutte le scuole italiane, per sensibilizzare sul tema dei cambiamenti climatici, lezioni di “nudge”, spinte gentili, piccoli gesti che possono concretamente incidere sulla lotta al cambiamento climatico.

La campagna organizzata su GoFundMe servirà per la realizzazione delle infografiche e dei materiali che permetteranno di rendere la guida disponibile nelle scuole. La campagna è raggiungibile a questo link.

Leggi anche. Scuola, la sostenibilità si impara già tra i banchi

A scuola “Energicamente”

Immagine Progetto Energicamente

È partito  il percorso educativo Energicamente – A scuola di sostenibilità promosso da Estra, in collaborazione con Legambiente e La Fabbrica, per coinvolgere bambini e i ragazzi nella costruzione di un mondo più sostenibile, vivibile ed equo, in linea con l’Agenda 2030 dell’ONU e i suoi 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Il progetto scolastico, giunto alla sua 12esima edizione, è dedicato alle classi di scuola primaria (IV e V) e secondaria di 1° grado di tutto il territorio nazionale.  Inaugurata solo un anno fa, la piattaforma è stata arricchita e rinnovata nella grafica e nel layout. Al suo interno il magazine, rivolto ai docenti e ai genitori, che offre un nuovo punto di vista sull’energia e l’innovazione per il benessere del pianeta, con consigli utili e novità dal mondo dell’energia per uno stile di vita sostenibile.

La piattaforma 100% digitale di Energicamente offre un percorso gamificato sviluppato a tappe, ricco di mini giochi, quiz, attività di approfondimento e missioni pensati per coinvolgere direttamente e attivamente gli studenti che, così, imparano facendo. La sfida online, funzionale alla valorizzazione di merito degli studenti, permette a bambini e ragazzi di fare squadra, guadagnare punti come singolo e come classe, scalare la classifica e vincere i premi messi in palio per la propria scuola.

AQP Water Academy Young: l’acqua spiegata ai ragazzi

.

Uno strumento semplice ed efficace per accompagnare docenti e alunni in un interessante viaggio alla scoperta del mondo dell’acqua e dell’Acquedotto Pugliese: è AQP Water Academy Young, il nuovo sito in 3D dedicato alle scuole presentato su “Archè”, la web tv della sostenibilità di AQP all’ultima edizione di Ecomondo.

AQP Water Academy Young è un istituto virtuale con aule, biblioteca, auditorium e spazi per attività ludiche dedicato agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. Tutor d’eccezione dell’Istituto due mascotte: un robottino, “AQP 01” e un anatroccolo di germano reale, “Gerry”, realizzato attraverso un concorso riservato agli alunni dell’Accademia di Belle Arti di Bari.

Lo stand AqP a Ecomondo

La proposta didattica di AQP Water Academy Young è costruita su alcuni temi fondamentali: il ciclo dell’acqua, la sostenibilità, il risparmio e il riuso, tutti ambiti nei quali si incardina tutta l’attività dell’azienda idrica pugliese. La home page, con la sua allegra e vivace grafica animata, accoglie gli alunni nell’ingresso virtuale di un edificio scolastico moderno e luminoso, da cui si accede a diversi ambienti proprio come in una vera scuola.

Quattro aule didattiche, un auditorium multimediale, una biblioteca che raccoglie il materiale didattico, uno sportello di raccolta di proposte e suggerimenti, un’area per la registrazione alla newsletter, un infopoint. E come in tutte le scuole che si rispettino non manca la “gita scolastica”, da realizzare nell’apposita area. Il presidente di AQP Domenico Laforgia non ha dubbi: “E’ una grande occasione per trasferire un patrimonio di conoscenze accumulato in 100 anni”

BeviMI: una App, un gioco, una ricerca

Non solo scuola. La sostenibilità ambientale si “studia” anche all’università. E con l’apertura del nuovo Anno accademico 2021-2022 che vede tornare in presenza gli studenti degli Atenei milanesi, l’Università degli Studi di Milano, l’Università di Milano-Bicocca e il Politecnico di Milano insieme al Comitato Italiano Contratto Mondiale Acqua (CICMA) hanno dato avvio al Progetto BeviMi – Acqua del Sindaco e consumi responsabili, che promuove l’utilizzo dell’acqua di rete, la riduzione e il riciclo della plastica.

Gli atenei si misureranno in una positiva competizione che ha preso avvio il 13 ottobre e si concluderà con l’anno accademico. Ai migliori comportamenti verranno consegnati riconoscimenti e attestati. Le tre Università otterranno un Certificato Blockchain dell’impatto ambientale generato dalle azioni realizzate.

Un’esperienza che potrebbe essere adottata anche in realtà. BeviMI si propone infatti come un progetto pilota replicabile anche in altre Università interessate, scuole, enti pubblici e privati per diffondere una nuova cultura dell’acqua e comportamenti responsabili verso una risorsa indispensabile per la vita dell’uomo e del pianeta.

Articoli correlati