Gargano: CFS contro il bracconaggio

Durante due distinte operazioni, le pattuglie del Corpo Forestale dello Stato appartenenti ai Comandi Stazione di Cagnano Varano e Umbra hanno sorpreso, in flagranza di reato, due bracconieri intenti ad esercitare attività venatoria in area protetta. L’intervento dei forestali è avvenuto, in due comuni della provincia di Foggia, precisamente nelle località Piscina Sandricchio, in agro di Carpino e Valle dei Greci, nel comune di Vico del Gargano.

I cacciatori, originari del posto, sono stati deferiti a piede libero all’autorità giudiziaria per introduzione di armi e materiali esplodenti in area protetta, disturbo, uccisione e danneggiamento della fauna selvatica ed esercizio venatorio illecito. Sequestrati due fucili calibro 12 marca Beretta e Benelli e numerose munizioni calibro 12 al piombo spezzato.

Controllati inoltre 25 cacciatori, alcuni dei quali deferiti all’Autorità Amministrativa per violazioni alla legge regionale in materia di protezione della fauna selvatica.

Articoli correlati