Input your search keywords and press Enter.

GAL Meridaunia, ambasciata del mondo rurale

Agricoltura, turismo, artigianato, riqualificazione degli edifici rurali: sono oltre novanta le iniziative di sviluppo territoriale promosse dal Gruppo di Azione Locale GAL Meridaunia, nel corso della programmazione di esercizio 2007-2013.

Le attività del GAL Meridaunia sono state illustrate durante un convegno che si è tenuto a Bovino (FG), organizzato dall’Agenzia di Sviluppo dei Monti Dauni. All’incontro sono intervenuti i sindaci dei Monti Dauni, autorità regionali, associazioni, tecnici e beneficiari del fondi GAL. Il convegno è stato l’occasione per parlare del nuovo Programma di Sviluppo Rurale (PSR) Puglia 2014-2020.

GAL Meridaunia ha beneficiato di 15 milioni di euro per promuovere il turismo rurale in una delle aree più svantaggiate della Puglia. il GAL è intervenuto sulle piccole strutture ricettive (agriturismi, affittacamere), sulle masserie didattiche e su piccole e medie imprese di artigianato tipico. Inoltre, sono stati creati due centri di accoglienza turistica (Centro del Gusto di Troia, Touristic Center di Lucera) e due itinerari turistici.

La Regione Puglia, ha affermato l’assessore regionale all’agricoltura Fabrizio Nardoni, crede molto nello strumento GAL, che ha permesso ai Monti Dauni di diventare la quarta eccellenza turistica della Puglia. «Qui non ci sono solo i boschi, ma luoghi con storia millenaria, tradizioni,  arte e cultura. Tutto questo va integrato in un sistema turistico più complesso. Nella prossima programmazione dobbiamo sicuramente migliorarci, pensando ad azioni per sviluppare il sistema agricolo e turistico».

Per il presidente del GAL Alberto Casoria, Meridaunia in questi anni è stato «l’ambasciata del mondo rurale, ha dato certezze a tanta gente che vive in questo territorio, aiutandola ad avviare nuove attività imprenditoriali». Il nuovo PSR, secondo Casoria, deve sperimentare nuove forme di sviluppo, ad iniziare dagli strumenti di ingegneria finanziaria a favore delle aziende agricole.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *