Input your search keywords and press Enter.

Fuori sede? Puoi votare il Referendum

C’è tempo fino al 5 giugno per entrare nella lista Rappresentante dei promotori e poter votare al referendum anche in un seggio diverso da quello di appartenenza. L’iniziativa è partita da Bologna per aggirare il problema dei tanti studenti fuorisede che, pur volendo esprimere la propria opinione in vista dei referendum del 12 e 13 giungo prossimi, erano impossibilitati a far ritorno a casa e votare nel proprio seggio. Tutto legale comunque: è bastato un piccolo escamotage che consiste nel delegare i fuori-sede come rappresentanti di lista nel Comune in cui studiano. La legge, infatti, garantisce in questo caso il diritto di voto anche fuori dal proprio seggio elettorale.

L’iniziativa è stata promossa on line da Batti Quorum Bologna e dal Comitato Acqua Bene Comune. In particolare il Comitato ha messo a disposizione dei fuori-sede le proprie deleghe di rappresentante di lista: per richiederle, basta compilare il modulo reperibile dal sito www.referendumacqua.it/voto-fuori-sede. Una volta ottenuta la delega, il giorno del referendum va consegnata al presidente di seggio a cui si è stati assegnati, assieme a tessera elettorale e documento d’identità. Tante le richieste arrivate finora al sito: un successo tale che si teme non bastino le deleghe messe a disposizione. Dal Comitato arriva dunque l’appello ai partiti affinché anche loro mettano a disposizione dell’iniziativa un numero di deleghe sufficiente per permettere al maggior numero di fuori-sede possibile di poter votare.

Print Friendly, PDF & Email