Input your search keywords and press Enter.

Fotovoltaico: la Puglia fa scuola anche a scuola

Con il suo 20% dell’intera energia da fotovoltaico prodotta su tutto il territorio nazionale, la Puglia può vantare un invidiabile primato che la mette a molte lunghezze di distanza dalle altre regioni. Anche Assosolare (Associazione Nazionale dell’Industria Solare Fotovoltaica) l’ha incoronata la regione “regina del fotovoltaico” e oggi il titolo è ancor più meritato grazie ad un accordo che vedrà la costruzione di 80 impianti fotovoltaici sui tetti delle scuole della provincia di Bari per garantire l’autosufficienza energetica.

Sui tetti delle scuole i pannelli solari permetteranno un notevole risparmio nei consumi

Cofely, società del gruppo Gdf Suez, impegnata nel perseguire uno sviluppo sostenibile, ha infatti ottenuto un contratto del valore di 17,7 milioni di euro e realizzerà gli  impianti fotovoltaici in tutti gli edifici scolastici delle scuole superiori di competenza della Provincia di Bari, dislocati su 28 diversi comuni del distretto. I pannelli solari installati avranno una potenza totale di circa 2,3 MWp, permetteranno una riduzione dei consumi energetici di 3.850 Mwh e taglieranno le emissioni inquinanti di CO2 di 1500 tonnellate l’anno, con il conseguente risparmio sulla bolletta dell’amministrazione provinciale. Il progetto è stato finanziato dalla Banca BIIS, che consentirà alla provincia di Bari di ammortizzare il costo dei pannelli nel corso di 18 anni, tramite un canone semestrale.

Per Sergio Tomasino, direttore generale aggiunto di Cofely, «questa tipologia di progetto, basata su un’innovazione sia contrattuale che finanziaria, permetterà di impiegare al meglio l’energia solare e trarre i maggiori benefici che ne derivano». L’intervento si aggiunge ad altri analoghi nella provincia di Roma, dove Cofely, ha installato e gestisce 12 impianti fotovoltaici che forniscono energia elettrica ad altrettanti asili comunali, e all’Università di Catania, dove sta attualmente installando 10 nuovi impianti. Se nelle altre città i lavori, però, sono a buon punto, Bari e provincia devono ancora aspettare: infatti la posa dei lavori, prevista a settembre, è slittata e per il momento non è partito ancora nessun lavoro.

Etis Tecnologie cura il progetto "100 tetti sotto il sole" in 10 comuni del barese

Ma le iniziative a favore dello sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili in Provincia di Bari non finiscono qui.  Dieci comuni della provincia di Bari (Giovinazzo, Toritto, Palo del Colle, Terlizzi, Bisceglie, Sannicandro di Bari, Grumo Appula, Bitonto, Binetto, Molfetta) hanno partecipato al progetto 100 tetti sotto il sole promosso da Etis Tecnologie srl con l’obiettivo di installare a condizioni agevolate impianti fotovoltaici sui tetti delle abitazioni private dei comuni aderenti. Il bando pubblico era rivolto a persone fisiche, ma anche giuridiche, che hanno usufruito di questa iniziativa per installare un impianto fotovoltaico su immobili di uso produttivo. L’energia elettrica prodotta da tale impianto potrà essere sfruttata per 20 anni, previa cessione del credito al Gruppo Etis, attraverso la sottoscrizione di un atto notarile. Dopo 20 anni l’impianto potrà rimanere di proprietà del beneficiario, oppure si procederà allo smaltimento che sarà a carico del Gruppo Etis. I pannelli fotovoltaici saranno installati su tetti, tettoie, pensiline, lastrici solari (di almeno 10 metri quadri) e avranno una potenza compresa tra i 3 ed i 6 KW.

Bisceglie è uno dei comuni che rientra nel progetto "100 tetti sotto il sole"

L’assessore all’ Ambiente di Molfetta Giacomo Spadavecchia ricorda la storica sensibilità della sua città verso la promozione e implementazione di tecnologie di produzione di energia sostenibili in termini ambientali e commenta così l’iniziativa: «Sosteniamo questo progetto perché crediamo nell’energia pulita e condividiamo gli indirizzi espressi da Agenda XXI e Progetto Emas. Il bando inoltre dà l’opportunità di scegliere l’energia pulita anche a chi non è in condizioni di sostenere i costi dell’installazione di un impianto fotovoltaico». Certamente questo tipo di iniziative, basato anche su agevolazioni concrete, è un passo importante per sensibilizzare i cittadini all’uso delle fonti rinnovabili di energia.

Una soluzione all'installazione di pannelli fotovoltaici è quella che usa i tetti degli edifici

Continuando a parlare di energia pulita in terra di Puglia, proprio in questi giorni sono state pubblicate – ed entreranno in vigore il 3 ottobre – le linee guida per lo sviluppo delle rinnovabili e la tutela del territorio. Un passo necessario, se si pensa che sul territorio pugliese la potenza elettrica installata ha raggiunto e superato la quota dei 310 MW nella produzione di energia solare (la Lombardia segue la Puglia con poco più di 136 MW, ma è prima in Italia in termini di numero di impianti) ma che bisogna fare i conti anche con le altre ricchezze della regione, prima fra tutte il turismo, per cui si deve necessariamente pensare anche alla salvaguardia dell’ambiente e delle bellezze paesaggistiche che la regione possiede.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *