Input your search keywords and press Enter.

Fondi Cipe per dissesto idrogeologico pugliese

La Puglia potrà mettere mano ad uno dei problemi maggiormente vissuto nel nord barese: il dissesto idrogeologico. Sono in arrivo, infatti, circa 200 milioni di euro di fondi Cipe per far fronte al problema. Si tratta di una questione che non perde occasione a manifestare pericoli e danni ogni volta che se ne creano le condizioni, in particolare in caso di maltempo. La Regione presenta diverse criticità. Già nei giorni scorsi, in occasione della riunione della V commissione, il componente Franco Pastore aveva fatto riferimento ai territori della zona ofantina colpiti dall’ultima ondata di maltempo. Gli arenili di Margherita di Savoia e Zapponeta “vanno sottacqua” in caso di pioggia abbondante. Quella è la zona della foce dell’Ofanto, normalmente in secca ma i cui argini esondano, anche verso Canosa di Puglia. Senza dimenticare il canale di Ciappetta Camaggio. Poco più di un mese fa, aziende barlettane che insistono ai margini di quel pluviale sono state ridotte sul lastrico a causa degli allagamenti e il comune di Barletta ha chiesto lo stato di calamità. I fondi in arrivo, quindi, diventano importanti e strategici per uno sviluppo nuovo, consapevole e sicuro di questi territori.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *