Input your search keywords and press Enter.

“Fili in trama”: l’Ars Panicalensis in mostra

Gli ecomusei promuovono il territorio attraverso il suo patrimonio culturale. A Panicale (PG) è radicata la tradizione dell’Ars Panicalensis, scuola di ricamo su tulle ideata nel dopoguerra da Anita Belleschi Grifoni. La Sor’Anita, come la chiamavano i panicalesi, portò il ricamo su tulle nelle più ambite fiere nazionali e lavorò per molte case nobiliari.

Grazie alle associazioni presenti sul territorio, l’Ars Panicalensis vive sia nella versione tradizionale che in forme più innovative. Il GAL Trasimeno – Orvietano organizza la prima Mostra-mercato internazionale del merletto e del ricamo Fili in Trama.

L’iniziativa, in programma il 21 e 22 settembre, vuole essere occasione di confronto tra le varie scuole di ricamo, nazionali ed internazionali. Saranno trenta le scuole che esporranno i loro prodotti: dal merletto di Orvieto a quello di Isola Maggiore, dal punto Assisi all’Ars Umbra; ancora, scuole di varie regioni d’Italia quali Lazio, Emilia Romagna, Sardegna, Scilla, Campania, Veneto e provenienti da due paesi europei, Germania e Portogallo. Saranno esposte foto storiche della scuola e del periodo di Anita Belleschi Grifoni; inoltre, si potranno ammirare paramenti in tulle Ars Panicalensis.

La mostra mercato sarà l’occasione per presentare un’altra caratteristica di Panicale: le produzioni teatrali. La locale associazione Tèathron Musikè porterà in scena l’opera giocosa Il Filosofo di Campagna in tre atti, libretto di Carlo Goldoni e musica di Baldassarre Galoppi: una vera e rara perla della letteratura teatrale e musicale del ‘700. L’appuntamento è al Teatro Caporali sabato 21 alle ore 21 e domenica 22 alle ore 17. Venerdì 20 settembre, nel chiostro di San Sebastiano, un gruppo di ragazze panicalesi musicherà Sogno di una notte di mezza estate.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *