Festival dello Sviluppo Sostenibile. Ed è subito Agenda 2030

Dal 22 maggio al 7 giugno la prima edizione del festival dello   Sviluppo Sostenibile promosso e organizzato dall’ASviS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo sostenibile

17 giorni di durata, tanti quanti sono gli obiettivi dell’Agenda 2030. 169 i traguardi previsti per i 17 obiettivi (anche detti SDGs nell’acronimo inglese, ovvero Sustainable Development Goals), che mirano a realizzare un modello nuovo di sviluppo equo e sostenibile. Si presenta così il Festival dello Sviluppo Sostenibile edizione numero 1.

I numeri del Festival dello Sviluppo Sostenibile
Il Festival dello Sviluppo Sostenibile rappresenta un’occasione unica per discutere su come disegnare il nostro futuro e cambiare il presente per realizzare uno sviluppo equo e sostenibile

160 gli aderenti, tra organizzazioni e reti della società civile. Oltre 200 eventi, tra convegni, seminari, workshop, spettacoli. 1000 e passa gli speaker coinvolti, 200 le scuole, decine di università, migliaia di partecipanti su tutto il territorio nazionale.
Sono i numeri del primo Festival dello Sviluppo Sostenibile, promosso e organizzato dall’ASviS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo sostenibile. Dopo la sottoscrizione dell’Agenda 2030 e degli obiettivi di sviluppo sostenibile da parte dell’Assemblea Generale dell’Onu, nel settembre 2015, organizzazioni internazionali, governi nazionali ed enti territoriali, associazioni imprenditoriali e della società civile si stanno mobilitando in tutto il mondo per disegnare e realizzare politiche e strategie volte a conseguire questi 17 obiettivi e i 169 target su cui tutti i Paesi del mondo si sono impegnati. Proprio a questo importante tema Ambient&Ambienti ha dedicato un ricco dossier che affronta tutte le tematiche raccolte nell’Agenda 2030

LEGGI ANCHE: Dossier Agenda 2030 di Ambient&Ambienti online

Festival dello Sviluppo Sostenibile, confronto sulle sfide del nostro tempo

Dal 22 maggio al 7 giugno, dunque, l’ASviS ha promosso questa grande manifestazione di sensibilizzazione, un confronto sulle sfide del nostro tempo: povertà, lavoro, educazione, disuguaglianze, energia, infrastrutture, cooperazione internazionale e ambiente. Un’occasione unica per discutere su come disegnare il nostro futuro e cambiare il presente per realizzare uno sviluppo equo e sostenibile.
Il Festival dello Sviluppo Sostenibile rappresenta il principale contributo italiano alla Settimana europea dello sviluppo sostenibile (Esdw) e si svolgerà nell’arco di 17 giorni, dal 22 maggio al 7 giugno,  per richiamare l’attenzione sia sui 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, sia su dimensioni trasversali che caratterizzano l’Agenda 2030, dall’educazione alla finanza per lo sviluppo sostenibile, dagli strumenti per il disegno e la valutazione delle politiche alle modifiche degli assetti istituzionali per favorire le politiche per lo sviluppo sostenibile.

Gli incontri del festival dello Sviluppo Sostenibile

Il Festival , che ha un ricchissimo programma  proporrà anche incontri con personaggi di spicco ed esperti in modo più informale, comprendendo anche attività culturali e di spettacolo (cinema, teatro, mostre, eventi enogastronomici, flash mob).

Tre appuntamenti sono di particolare rilievo nel corso di questi 17 giorni di Festival; il 22 maggio a Napoli, il 1° giugno a Milano, il 7 giugno a Roma, e sono organizzati direttamente dal Segretariato dell’ASviS.

A Napoli per parlare di disuguaglianze

L’evento di Napoli apre il Festival ed è dedicato alle disuguaglianze. Si terrà nel Teatrino di corte di Palazzo Reale e parteciperanno, tra gli altri, il Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, il Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina, il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti e il Ministro della Coesione territoriale e del Mezzogiorno Claudio De Vincenti.

Il mondo dell’economia si incontra a Milano

A Milano, presso l’UniCredit Pavilion, il 1° giugno sarà dedicato al contributo delle imprese e della finanza all’attuazione dell’Agenda 2030 e vedrà la partecipazione dei responsabili delle principali organizzazioni del mondo imprenditoriale in un confronto con il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda e il Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare Gian Luca Galletti.

A Roma per il bilancio finale

Infine, all’evento di Roma, che concluderà il Festival e si svolgerà presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati alla presenza delle più alte cariche dello Stato, tra cui il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, il Direttore generale della Banca d’Italia Salvatore Rossi e il Presidente della Conferenza dei rettori Gaetano Manfredi, l’ASviS consegnerà al Governo e alle altre istituzioni i risultati del Festival e dei 17 giorni di riflessione della società civile.
Tutte le informazioni sul sito del festival . 

Protagonisti i giovani
Durante il festival dello Sviluppo Sostenibile saranno anche presentate le idee innovative in campo di sostenibilità realizzate da giovani “under 30”

Durante l’evento saranno anche premiate le classi vincitrici del concorso indetto dal Ministero dell’Istruzione dell’università e della ricerca e dalla stessa ASviS , che ha coinvolto le scuole italiane di ogni ordine e grado sui temi dell’Agenda 2030, e i vincitori del concorso Youth in Action for Sustainable Development Goals organizzato da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Eni Enrico Mattei e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, e rivolto a giovani under 30 chiamati a presentare idee progettuali innovative capaci di favorire il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile in Italia.

I partner

Tanti i partner del Festival; Enel, UniCredit, Gruppo Unipol e Wind Tre, oltre a RAI e la Repubblica e Sky Italia. Coinvolto anche il mondo dello sport grazie alla collaborazione con il CONI, e la casa editrice Laterza in qualità di partner culturale. Non manca il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, che proprio in queste settimane sta finalizzando la Strategia nazionale di sviluppo sostenibile.

Articoli correlati