Input your search keywords and press Enter.

Festa delle Oasi 2017, liberati tre volatili

Come ogni anno, anche questa volta la Riserva di Torre Guaceto ha festeggiato la Festa delle Oasi

Festa delle Oasi è una ricorrenza che l’associazione ambientalista WWF dedica all’apertura al pubblico dei luoghi protetti.

Per l’occasione, il Consorzio di Gestione della Riserva ha organizzato insieme alla sezione WWF di Brindisi una serie di attività. Scopo è ricollegare gli adulti alla natura e a far conoscere ai più piccoli l’immenso patrimonio naturalistico dell’area protetta.

Un momento molto emozionante è stato quello dedicato alla liberazione di tre uccelli.
Il primo a riprendere il volo è stato un gabbiano reale femmina recuperato in serie difficoltà a fine 2016 a causa di una sindrome tossica.

LEGGI ANCHE: Giornata della biodiversità, Syngenta Photography Award per ricordare

Il secondo, un giovane maschio grillaio recuperato qualche mese addietro con una brutta infezione alla bocca da tricomonas. Problematica che avrebbe potuto indurne la morte.

E alla fine, una poiana soccorsa a novembre, in pieno periodo di caccia, con un’ala fratturata da un colpo di arma da fuoco.

Questi animali hanno potuto trovare la libertà a Torre Guaceto, grazie all’importante lavoro svolto dall’Osservatorio Faunistico della Regione Puglia e dai professionisti del Dipartimento di Medicina Veterinaria di Bari. I primi hanno offerto loro ricovero, i secondi li hanno rimessi in sesto. Insieme ci hanno permesso di festeggiare il lieto evento durante la Festa delle Oasi e mostrare con un gesto pratico quanto sia importante rispettare l’ambiente e gli animali agli utenti della Riserva.

L’ospite d’eccezione della Festa delle Oasi a Torre Guaceto è stato il professore del Dipartimento su citato, Antonio Camarda. Ha raccontato la storia del gabbiano, del grillaio e della poiana alle numerose persone accorse per l’evento e rimaste estasiate alla vista dei tre animali che, finalmente, sono tornati alla vita vera.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *