Input your search keywords and press Enter.

Fascicolo del fabbricato: si comincia da L’Aquila?

«Daremo vita a L’Aquila  a un vero e proprio laboratorio per la sicurezza nel campo del rischio sismico». Lo ha annunciato Francesco Peduto, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi. L’Aquila riparte, decine e decine di gru dappertutto, cantieri aperti ovunque: la vita riprende anche nel centro storico, ma la città non vuole dimenticare quel drammatico 6 aprile 2009 e, soprattutto, non vuole che una tragedia così possa ripetersi.

Peduto, a margine della cerimonia di conferimento del Premio di Laurea Avus, istituito dall’Associazione Vittime Universitarie del Sisma ha concordato con il Sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, di dar vita in questa città a un vero e proprio laboratorio per la sicurezza nel campo del rischio sismico. «Vogliamo far diventare L’Aquila la città pilota nel campo della prevenzione sismica – ha dichiarato Peduto – applicando qui in modo compiuto quelle iniziative che chiediamo da tempo e che riteniamo indispensabili per una moderna politica di previsione e prevenzione del rischio sismico, quali il Fascicolo del fabbricato, un piano di protezione civile realmente operativo e all’avanguardia, con il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle scuole per la conoscenza dei georischi, in modo da essere preparati agli eventi ed essere in grado di affrontarli nel migliore dei modi».

«Non dimentichiamo – ha proseguito Peduto – che ancora oggi in Italia è stato stimato che durante i terremoti si hanno vittime in una percentuale variabile tra il 20% e il 50% per comportamenti sbagliati durante l’evento. Se in Giappone i cittadini sanno esattamente cosa fare, anche in Italia possiamo insegnare a tutti quale è il comportamento più corretto da tenere nel corso di un sisma. E per quanto riguarda il Fascicolo del fabbricato – ha concluso Peduto – con il contributo fondamentale del Consiglio Nazionale degli Ingegneri metteremo a punto un modello che poi utilizzeremo per il capoluogo abruzzese. Proveremo a coinvolgere in questa sperimentazione anche tutte le altre professioni tecniche interessate che aderiscono alla Rete delle Professioni Tecniche». «La ricostruzione aquilana, che porterà certamente ad avere una città più sicura, può essere anche l’occasione per sperimentare ciò che tante proposte di legge non sono riuscite ad attuare – ha dichiarato Nicola Tullo, Presidente Ordine Geologi dell’Abruzzo – , dotare ogni fabbricato, nuovo, ricostruito o ristrutturato, di un fascicolo che permetta il monitoraggio del suo stato di conservazione, evidenziare eventuali situazioni di rischio e programmare per tempo gli interventi di manutenzione e di miglioramento al fine di mantenere nel tempo la qualità e la sicurezza del patrimonio edilizio».

Positivo il commento anche degli ingegneri. «In Italia dobbiamo assolutamente adottare il Fascicolo del Fabbricato perché non conosciamo lo stato di salute dei nostri edifici», ha dichiarato Armando Zambrano, Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *