Input your search keywords and press Enter.

 Fai Spazio ad Ecolight per i rifiuti professionali

Arriva a Marina di Carrara (Ms) il tour di Fai Spazio, il servizio del consorzio Ecolight per la gestione sostenibile dei rifiuti professionali. Da domenica 28 febbraio a mercoledì 2 marzo Ecolight sarà alla trentaseiesima edizione di Tirreno CT, la fiera dedicata alle ultime novità nel settore delle strutture ricettive e per l’accoglienza allestita negli spazi di Carrara Fiere, per presentare Fai Spazio, il servizio dedicato alle imprese; un servizio pensato per rispondere alle esigenze delle aziende nella gestione dei loro rifiuti.

«Il rispetto dell’ambiente richiede precisi passaggi, in particolar modo alle aziende», premette Fabio Bianchi, responsabile Affari generali di Ecolight. «La gestione dei rifiuti professionali è una materia che necessita di competenze specifiche al fine di evitare sanzioni». Infatti accanto ad una normativa complessa e sempre in evoluzione, esistono questioni più prettamente burocratiche – come la compilazione dei formulari – ed amministrative che rendono ancora più articolata la gestione del proprio rifiuto per un’azienda. «La norma è però chiara in merito: l’azienda è responsabile del rifiuto che produce. È responsabile della sua gestione, del suo trattamento e smaltimento. È responsabile anche della scelta del partner cui affidare tutto questo», aggiunge Bianchi. «Troppo spesso però i rifiuti professionali, ovvero quelli prodotti da attività economiche, seguono percorsi non corretti mettendo a rischio sia l’ambiente, sia la stessa impresa». L’obiettivo del consorzio non è solamente non sottovalutare il problema dei rifiuti, ma anche potenziare i sistemi di raccolta al fine di garantire una corretta gestione sia sotto il profilo operativo, sia documentale.

Il servizio Fai Spazio che Ecolight ha attivato  garantisce una corretta gestione del rifiuto professionale e una perfetta tracciabilità dello stesso. «Siamo in grado di indicare dove è stato portato il rifiuto e cosa ne è stato fatto: quanta parte è stata inviata a smaltimento e quanta invece è stata sottoposta ad un trattamento per il suo recupero». Non certo ultimo, «assicuriamo tutte le procedure necessarie per adempiere correttamente alle prescrizioni fiscali», conclude il responsabile di Ecolight.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *