Input your search keywords and press Enter.

“E…state Ok con la nutrizione”

Il caldo torrido, come quello di questi giorni, con temperature che in alcune città italiane hanno raggiunto e superato anche i 40°C, si può affrontare anche a tavola. I consigli arrivano dal ministero della Salute, contenuti nella guida “E…state Ok con la nutrizione”. Clicca qui per scaricarla oppure vai al sito internet del dicastero.

Il primo consiglio suggerito dal ministro Balduzzi è quello di mantenere costante il numero dei pasti a cominciare dalla prima colazione, ritenuta la fonte di alimentazione più importante della giornata.

Arricchire la propria alimentazione di frutta e verdura di stagione oltre che di yogurt, possibilmente naturale e senza zucchero. Va bene fare uso anche di frutta secca, ricca di grassi “buoni”, ma con moderazione visto l’elevato apporto calorico.

Ridurre al minimo, invece, il consumo di cibi grassi “non buoni”, privilegiare piatti freschi e facilmente digeribili e frutta a ogni fine pasto.

A tavola, anche il colore degli alimenti, è scritto nel decalogo ministeriale, ha la sua importanza, perché con il variare delle tinte si alternano anche le proprietà e gli elementi benefici contenuti in essi contenuti, come vitamine e polifenoli.

Se siete in vacanza, evitate i pasti completi, primo, secondo e contorno; consumate, piuttosto, piatti unici come ad esempio pasta con legumi e verdure o secondi con contorno di verdure di stagione. Limitate l’uso di sale – è scritto ancora nel vademecum – quando possibile, magari, utilizzare quello iodato (eccetto nei casi di patologie legate alla tiroide) o iposodico. La dose massima consigliata al giorno è fissata sui 5 grammi.

Gli alimenti vanno conservati rispettando la catena del freddo e le modalità previste per ciascun prodotto; evitare un’eccessiva permanenza in frigorifero, perché a lungo andare si perdono gli elementi nutritivi utili per l’organismo. E per finire, bere. Bere almeno un litro e mezzo d’acqua al giorno, per garantire un’adeguata idratazione. Al contrario, limitare al minimo il consumo di bevande che contengono zuccheri e quelle alcoliche.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *