Epifania: vince l’agriturismo

Con il ponte dell’Epifania salgono a circa 400mila i turisti che durante le feste di fine ed inizio anno hanno alloggiato in agriturismo. I dati dell’associazione agrituristica Terranostra parlano di un aumento del 10% rispetto allo scorso anno, anche per i prezzi rimasti sostanzialmente invariati.

Meta prediletta resta la montagna, con record di prenotazioni in particolare per le strutture situate nei pressi degli impianti sciistici. Buone anche le presenze nelle città d’arte, nei centri di interesse storico-culturale e in prossimità degli impianti termali.

«L’agriturismo sembra quindi resistere meglio alla crisi anche per effetto – sottolinea la Coldiretti – della voglia di tranquillità in un momento di turbolenza economica che spinge gli italiani a privilegiare le vacanze più vicine a casa con una maggiore flessibilità nella programmazione». Inoltre Terranostra conferma che «la capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo è stata la qualità più apprezzata dagli ospiti degli agriturismi ma è aumentata nel contempo la domanda di servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, insieme a questo va crescendo anche in termini numerici l’abbinamento con il turismo d’arte».

Articoli correlati