Input your search keywords and press Enter.

Eolico: offshore è il futuro

Il futuro è l’eolico offshore: il 2011 ha visto, infatti, una diffusione sensibile pari al + 4,5% di installazioni in Europa. Gli impianti per energia dal vento installati in mare sono già molto diffusi nel nord Europa ma potrebbero essere sempre più presenti anche nel nostro Mediterraneo. «Nell’ambito del settore eolico, l’offshore acquisisce sempre maggior importanza e vede l’Europa in una posizione dominante – spiega Bruno Baldissara, di Enea -. In particolare, nel nostro Paese si prevede di arrivare almeno fino a 680 MW installati entro il 2020, ma in uno scenario particolarmente favorevole si potrebbe anche superare i 1.500 MW». In Italia l’eolico offshore potrebbe divenire volàno per la produzione di energie rinnovabili, soprattutto se si riuscirà ad adattare questa tecnologia ai fondali dei nostri mari che, meno ospitali rispetto a quelli del Nord. «Per sviluppare adeguatamente l’eolico offshore in Italia è importante che, prima ancora di presentare i progetti, le aziende individuino una localizzazione idonea – ha precisato Andrea Lazzari, del Ministero dell’Ambiente. – Da parte nostra, infatti, dobbiamo fare con rigore scientifico valutazioni di impatto ambientale che prevedono lo studio della natura dei fondali, la mappatura delle aree dove sono previste specie di interesse naturalistico e l’analisi dell’avifauna». Tra le aree più interessanti quelle del Sud Italia e delle isole.

Print Friendly, PDF & Email