Energie rinnovabili, record di consumi in Europa

lampadina
Il prossimo trimestre l'aumento previsto in bolletta sarà del 55% per l’energia e del 41,8% per il gas naturale

La combinazione di lockdown, clima caldo prezzi bassi e domanda debole nei primi mesi 2020 ha spostato i consumi energetici in Europa verso le fonti rinnovabili. Le considerazioni di Fornitura Lucegas

I 27 paesi membri dell’UE hanno consumato il 3% in meno di energia elettrica nel periodo gennaio-marzo 2020 rispetto allo stesso periodo 2019; in calo anche le emissioni di Co2. Quali saranno gli scenari  dei prossimi mesi? E’ la domanda cui cerca di dare una risposta la campagna informativa del portale Fornitura Lucegas, che diffonde alcuni dati relativi ai consumi energetici del primo trimestre 2020, drammaticamente legati alla pandemia da Covid-19.

Consumi energetici: cosa dice il Rapporto

Dal  rapporto del primo trimestre 2020 pubblicato il 14 luglio 2020 dalla Commissione sui mercati del gas e dell’elettricità, emerge l’evidenza di un impatto insolito rispetto ai consumi energetici in Europa. Difatti, sia dal lato della domanda che dal lato dell’offerta si è registrato un aumento record della quota trimestrale di fonti energetiche rinnovabili (del 40%) e dei combustibili fossili (del 33%).

Questi record sono dovuti alla combinazione fra:

  • le misure di contenimento imposte dalla pandemia di Covid-19
  • l’inverno mite e ventoso del 2020
  • i prezzi bassi e la domanda debole

Il rapporto, infatti,  indica che le misure di lockdown diffuse dall’inizio di Marzo e l’inverno con il clima relativamente caldo hanno comportato un calo del consumo di energia elettrica del 3% in tutti i 27 paesi membri dell”UE e un forte calo della domanda del gas nel settore industriale.

LEGGI ANCHE: Professioni green: arrivano i Sustainable Energy Expert, per le politiche energetiche delle aziende

Il rapporto, dunque, evidenzia un cambiamento nel mix energetico dell’Europa:

  • calo del 30% della produzione di carbone
  • forte crescita della produzione di energie rinnovabili che raggiunge quota 40% nel mix energetico (il più alto dato registrato ad oggi
  • la quota di elettricità generata dalla combustione di carbone, gas e petrolio è passata dal 38% al 33%(cifra trimestrale più bassa mai avuta finora)

La Commissione sui mercati del gas e dell’elettricità conferma, inoltre, il processo di decarbonizzazione che sta coinvolgendo l’Italia  verso la riduzione delle emissioni di anidride carbonica nel 2020.

La crescita dell’utilizzo e del consumo di energia rinnovabile ha comportato una caduta dei prezzi dell’elettricità sul mercato, raggiungendo i minimi storici ad Aprile. I prezzi dell’energia insieme a quelli del gas naturale hanno subito un forte calo, facendo scendere la bolletta delle importazioni del gas dell’UE sotto i 10 miliardi di euro (quota trimestrale più bassa degli ultimi 6 anni).

Articoli correlati